Condividi l'articolo

Albenga. Tra i pali era diventato un campione. Quando giocava la porta veniva trasformata in una saracinesca impenetrabile. Straordinarie le parate in volo che hanno permesso alla sua squadra di vincere partite che ogni volta erano battaglie. All’età di 92 anni è morto Nicolò «Lino» Benso. Era nato il 31 luglio 1926. Era il portiere della gloriosa Albenga.

«Ha difeso i pali della porta bianconera per molte stagioni sin da ragazzo nel periodo precedente alla Seconda Guerra Mondiale debuttando poi in Prima Squadra nella memorabile stagione 1945/1946 anno in cui l’Albenga vinse il campionato di Prima Divisione con conseguente ritorno in Serie C», ricorda Gabriele Patrucco, tesoriere, ma soprattutto custode dell’immenso archivio storico della squadra bianconera (dal quale è tratta la foto pubblicata a lato). Lino Benso ha giocato nell’Albenga fino al 1951 e, dopo una stagione alla Loanesi, dal 1952 al 1960 era tornato ad indossare la casacca della società ingauna che gli è sempre rimasta nel cuore.

Il funerale sarà celebrato domani pomeriggio alle 15,30 nella cattedrale di San Michele. Ad accompagnare il feretro ci saranno la moglie Rina e il figlio Vittorio, ma soprattutto i dirigenti e i giocatori delle squadre della sua Albenga Calcio.
Solo una decina di giorni fa un altro lutto aveva segnato la società ingauna. Era morto Ettore Pavese, altra vecchia gloria che ha seguito con orgoglio e passione l’Albenga ed era stato compagno di squadra di Lino Benso.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici