Al via Sagralea numero 52, la Vinitaly del Ponente ligure

Profumeria Simonini

Albenga. E’ considerata da sempre la «Vinitaly» della Riviera di Ponente. D’altronde «Sagralea» è solo di un anno più giovane rispetto alla celebre rassegna vitivinicola di Verona. Quella di Salea d’Albenga è certamente una rassegna più familiare perché mette in mostra il Pigato e gli altri vini della terra di Liguria con decine di aziende presenti con le loro etichette. «Sagralea» è diventata nel corso degli anni un’occasione di confronto importante tra professionisti del settore e appassionati di vino e buon cibo. Da oggi (13 agosto) a domenica prossima (18 agosto) a Salea d’Albenga sono in programma cinque giornate all'insegna delle degustazioni dei vini locali, delle conferenze, della cucina tradizionale ligure, degli show cooking, ma anche del divertimento.

Punto di riferimento per enologi e cultori del buon bere gli appuntamenti alla «Sala Calleri». Sono in programma conferenze e laboratori di degustazione del vino Pigato e della Granaccia a cura di Ais e Fisar, ma anche la consegna del premio «Salea e il Vino 2019» prevista per questa sera alle 21 a Marco Rezzano, presidente dell'Enoteca Regionale della Liguria. Molto interessante sarà anche il corso divulgativo dal titolo «La filiera dell’Olio di Oliva: qualità e genuinità degli oli extra vergini di oliva» a cura dell’Onao (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva) per sottolineare l'interessamento della manifestazione a tutti i prodotti del territorio e la volontà di valorizzarli. Già pronta ad aprire i battenti la mostra mercato di prodotti e servizi ricca di stand ed espositori, la «Piazza del Vino» dove sarà possibile degustare e comprare le bottiglie di vino direttamente delle aziende vitivinicole (sul sito della rassegna www.sagralea.it si possono scoprire tutte le aziende presenti). Come sempre sarà possibile cenare presso gli stand gastronomici già dalle 19 e gustare tanti piatti tipici della cucina nostrana come la buridda, il condiglione, le trofie al pesto ligure, il coniglio, le acciughe del mar Ligure fritte, affiancati da piatti elaborati come la polenta ubriaca realizzata dallo chef stellato di «Gambero Rosso» Max Mariola e le trofie nere alla Giorgione, altro volto noto della cucina ligure. Troveranno posto nel menù anche la torta Sagralea, le pesche al pigato; senza tralasciare i grandi classici come spiedini, patatine fritte, pan fritto e i ravioli al ragù per accontentare tutti i gusti. Anche quest'anno ampio spazio sarà riservato agli show cooking tenuti da chef locali; 4 serate e 4 chef ( o meglio 5) che si sfideranno ai fornelli per preparare piatti originali e gustosi. Gli chef che si cimenteranno in questi spettacoli culinari saranno: Francesca Morro e Pasquale Cervo, Giorgia Venturini, Gabriella Caratti e Andrea Masala. Non mancherà l'intrattenimento musicale per gli amanti del ballo con ben quattro orchestre diverse ogni sera.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi