Condividi l'articolo

Regione, Cnsas Liguria, Federazione Italiana Escursionismo, saranno in prima linea per spiegare come affrontare correttamente le escursioni e quale attrezzatura usare.

Sensibilizzare gli amanti della montagna e del trekking fornendo i principali strumenti per affrontare le escursioni con adeguata preparazione fisica e di attrezzatura. Questi gli obiettivi della campagna “Io cammino sicuro” che Regione Liguria ha lanciato insieme al Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) Ligure e alla FIE (Federazione Italiana Escursionismo). Un progetto che si avvale anche della collaborazione degli Enti Parco Regionali, del Comune di Genova e di Agenzia In Liguria.

Diffondere la cultura dei sentieri e della sicurezza

L’iniziativa è nata a seguito del sempre maggior interesse verso l’escursionismo nato negli ultimi anni, che ha portato in montagna anche utenti alle prime armi. «Proprio per questo il CAI, la FIE, il Soccorso Alpino e Speleologico promuoveranno e saranno presenti ad una serie di appuntamenti sulla rete sentieristica promossa dal nostro Assessorato – spiega il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Escursionismo, ai Parchi e al Marketing Territoriale, Alessandro Piana –, che da tempo ha programmato a più riprese la cultura dell’andar per sentieri in sicurezza. I divulgatori, in modo semplice e chiaro, cercheranno di ridurre i rischi legati alla scarsa esperienza fornendo suggerimenti da mettere in atto per l’autoprotezione. Pensate che ogni 100 interventi di salvataggio circa 45 sono dovuti a cause evitabili come mancanza d’orientamento, sottovalutazione dei percorsi, stanchezza o maltempo. Per godere a pieno della bellezza naturalistica e dell’esperienza outdoor occorre infatti affrontare la camminata con consapevolezza per evitare imprudenze per sé e per gli altri. Ringrazio in particolare i nostri Uffici per la redazione del decalogo “Io cammino sicuro”, che verrà distribuito su larga scala e in più lingue con puntuali informazioni sull’autoprotezione dall’equipaggiamento, all’interpretazione dei gradi di difficoltà dei sentieri e della cartellonistica sino alla lettura corretta delle carte escursionistiche. Sono stati predisposti anche questionari che ci aiuteranno a impostare ulteriori eventuali misure di prevenzione».

Gli esperti del Cnsas

Pronti i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Liguria che nel corso del 2022 sono intervenuti quasi cinquecento volte passando da interventi banali come semplici distorsioni alla caviglia a operazioni più complesse come ricerche di persone anche di notte e interventi di salvataggio con l’utilizzo di tecniche alpinistiche: «Durante le nostre operazioni di controllo del territorio cerchiamo sempre di trasmettere le buone pratiche affinché le escursioni possano svolgersi in sicurezza – dice il presidente regionale Roberto Canese –. Tra l’altro sia a Savona che nel Tigullio abbiamo attivato programmi di educazione civica nelle scuole proprio per sensibilizzare anche i giovani, uomini e donne del domani. Con l’evento “Io cammino sicuro” potremo dedicarci maggiormente all’educazione degli escursionisti. Chi viene a camminare in Liguria spesso tende a sottovalutare i percorsi perché molti di questi sono vicini al mare. In realtà ci sono tratti che hanno difficoltà elevate di tipo montano. Punteremo molto sull’abbigliamento, sulla dotazione corretta di calzature e su tutto ciò che è necessario avere con sé, prima fra tutti, soprattutto nel periodo caldo, una buona scorta d’acqua».

Appuntamenti e Urp

presidi che verranno realizzati sono martedì 25 aprile presso il Parco delle Mura di Genova, lunedì 1 maggio al Parco dell’Antola, domenica 7 maggio al Parco di Portofino, domenica 21 maggio al Parco di Montemarcello-Magra-Vara, domenica 28 maggio al Parco delle Alpi Liguri, domenica 18 giugno al Parco del Beigua e poi ulteriori date verranno rese note a settembre a ottobre al Parco dell’Aveto con l’avvio della stagione dei funghi. «La comunicazione vuole essere accessibile ed integrata, in linea con le attività portate avanti dal CAI – dice Roberto Manfredi, presidente CAI Liguria –, come lo Sportello della Montagna che ha avuto un ottimo seguito. Per completezza, oltre ai punti individuati nelle date di maggiore frequentazione dei nostri sentieri e tradizionalmente vocati alle classiche gite fuori porta abbiamo fortemente voluto l’apertura dell’URP di piazza de Ferrari con la prima data pilota domenica 23 aprile dalle 10 alle 17 con i nostri volontari, per avere un punto anche in città. Proprio i volontari CAI svolgono un impegno importantissimo per la comunità, sono migliaia, nella sola Liguria oltre 11mila. È doveroso ricordare pubblicamente il loro operato».

c.s.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici