A fuoco la sede dell'Autorità Portuale di Savona, inchiesta per chiarire le cause

  • Redazione
  • 1 min e 13 sec (183 parole)
  • Cronaca
  • savona
La TUA pubblicità qui. Contattaci

Savona. Sono stati spenti ieri gli ultimi focolai che erano ancora attivi all’interno della palazzina che ospitava la sede dell’Autorità portuale, devastata dal terribile incendio di martedì. A certificare che l'incendio era stato definitivamente domato sono state anche le perlustrazioni effettuate dai pompieri con l’ausilio dei droni equipaggiati di termocamere. Intanto proseguono le indagini affidate dal pm Chiara Venturi al nucleo investigativo territoriale dei vigili del fuoco e ai carabinieri per chiarire le cause del rogo.

L’atrenzione degli inquirenti si concentra anche sulla velocità con la quale l’incendio si è propagato: non è da escludere che vengano svolti accertamenti sul materiale scelto per il rivestimento della facciata.

Intanto hanno reagito subito i circa quaranta dipendenti dell’Autorità di sistema portuale, ancora sconvolti dall’incendio. Nella prima mattinata di ieri i dirigenti hanno fatto una riunione in una delle salette che l’Unione Industriali ha messo a disposizione. Anche Costa Crociere e Compagnia portuale Pippo Rebagliati hanno dato la disponibilità per alcuni dei loro locali in porto perchè ci vorrà del tempo prima che i vecchi uffici di via Gramsci siano sistemati e tornino ad essere disponibili.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci