Condividi l'articolo

Partiti inoltre i primi 28mila contributi a fondo perduto per gli esercizi aperti al pubblico nei centri storici.

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto che sono stati fatti i pagamenti di tutti i contributi automatici previsti dai quattro decreti Ristori, per un importo complessivo che supera i 2,3 miliardi di euro. Gli accrediti sono stati effettuati da un minimo di quattro giorni a un massimo di quindici rispetto alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei relativi decreti. A questi bonifici si aggiungono i 6,6 miliardi di euro erogati dall’Agenzia delle Entrate relativi al decreto Rilancio. Sono partiti inoltre i primi 28mila contributi a fondo perduto per gli esercizi aperti al pubblico nei centri storici delle città italiane più turistiche che hanno fatto domanda sul sito dell’Agenzia.

Dunque, in totale, al 7 dicembre 2020, i contributi a fondo perduto e i ristori erogati dall’Agenzia delle entrate ammontano a più di 9 miliardi di euro, mentre la platea dei beneficiari è rappresentata da 2,4 milioni di partite Iva. L’Agenzia spiega poi che da questo monte complessivo, 1,8 miliardi hanno raggiunto il settore della ristorazione, più di 2 miliardi sono stati destinati al commercio al dettaglio e all’ingrosso.