Covid: controlli a valico Ventimiglia con coprifuoco Francia. Ma qual è situazione europea?

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Alla frontiera di Ventimiglia sono iniziati la scorsa notte i controlli delle autorità francesi sulle autocertificazioni delle persone in ingresso dall'Italia, dovuti al coprifuoco istituito in vari dipartimenti del Paese dalle 21 alle 6 per l'emergenza Covid-19.

Visto che le nuove disposizioni sono scattate alla mezzanotte di venerdì, per i primi veicoli in transito, soprattutto frontalieri diretti in Francia o nel Principato di Monaco, le autorità transalpine per quanto severe nei controlli, hanno ugualmente fatto passare chi, sprovvisto di autocertificazione, si stava recando al lavoro, ma da questa sera, nella fascia oraria indicata, non sarà più possibile entrare o uscire, senza giustificata motivazione scritta.

Al momento, invece, non vengono effettuati controlli dalle autorità italiane, malgrado le Alpi Marittime siano state dichiarate zona rossa.

L'Unione Europea aggiunge Singapore al suo elenco di paesi epidemiologicamente sicuri. Rimossi Canada, Georgia e Tunisia

Il Consiglio dell'Unione Europea ha finalmente pubblicato un aggiornamento del suo elenco di paesi terzi epidemiologicamente sicuri, i cui residenti possono entrare nell'Unione Europea, anche per scopi non essenziali come il tempo libero e il turismo.

Dopo l'ultimo aggiornamento avvenuto il 7 agosto, il Consiglio ha aggiornato la nuova revisione della lista, secondo la quale Singapore si aggiunge come Paese a basso rischio COVID-19, e Canada, Georgia e Tunisia vengono rimossi dopo che i numeri di casi di Coronavirus rilevati in tutti e tre gli stati sono aumentati.

A partire dal 22 ottobre, il Consiglio dell'UE consiglia agli Stati membri di revocare gradualmente le restrizioni ai viaggi alle frontiere esterne per i residenti dei seguenti paesi terzi:

  • Australia
  • Giappone
  • Nuova Zelanda
  • Ruanda
  • Singapore
  • Corea del Sud
  • Tailandia
  • Uruguay
  • Cina, soggetta a conferma di reciprocità

Allo stesso tempo, il Consiglio consiglia anche agli Stati membri di revocare l'attuale divieto di ingresso per i residenti delle regioni ad amministrazione speciale della Cina, Hong Kong e Macao, una volta che queste ultime riapriranno le frontiere ai cittadini dell'UE.

«Come stabilito nella raccomandazione del Consiglio, questo elenco continuerà a essere riesaminato regolarmente e, a seconda dei casi, aggiornato», osserva un comunicato stampa pubblicato nel sito web del Consiglio dell'UE. Sottolinea inoltre che i residenti di Andorra, Monaco, San Marino e Vaticano dovrebbero essere considerati residenti nell'UE ai fini della presente raccomandazione. Anche i paesi associati a Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera) prendono parte a questa raccomandazione.

«I criteri per determinare i paesi terzi per i quali l'attuale divieto di viaggio dovrebbe essere revocato riguardano, in particolare, la situazione epidemiologica e le misure di contenimento, compreso il distanziamento fisico, nonché considerazioni economiche e sociali», spiega il comunicato.

Il Consiglio dei ministri dell'UE aveva pubblicato per la prima volta un elenco di 15 paesi terzi, sui quali gli Stati membri potevano basare i loro elenchi nazionali di paesi terzi sicuri, composto da: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay, Cina (a condizione di un'azione reciproca da parte delle sue autorità).

Il Consiglio ha riesaminato l'elenco il 16 luglio, escludendo Montenegro e Serbia, dopo che il numero di casi in entrambi è aumentato rapidamente. Successivamente, il 30 luglio, l'Algeria è stata rimossa dall'elenco e il 7 agosto il Consiglio ha escluso il Marocco dopo che il paese ha segnalato un numero crescente di casi.

Da allora, l'elenco è rimasto invariato comprendendo Australia, Canada, Georgia, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay, Cina, salvo conferma di reciprocità. Gli Stati membri dell'UE, tuttavia, hanno adottato l'elenco in base alle loro valutazioni, alcuni dei quali non aprono affatto le frontiere.

L'Inghilterra aggiunge Danimarca, Isole Canarie, Maldive e Mykonos alla sua lista di esenti da corridoi di viaggio

Le autorità in Inghilterra hanno deciso di aggiungere alla loro lista dei corridoi di viaggio Danimarca, Isole Canarie, Maldive e Mykonos, dopo aver stimato che la situazione epidemiologica in queste aree, nelle ultime due settimane, è migliorata, ha annunciato il governo del Regno Unito.

La decisione entrerà in vigore domenica 25 ottobre, secondo la dichiarazione del Regno Unito.

«Dalle 4 del mattino di domenica 25 ottobre, i passeggeri in arrivo nel Regno Unito da queste destinazioni non dovranno più isolarsi da soli, a condizione che non siano stati o siano transitati in altri paesi non esenti nei 14 giorni precedenti il loro arrivo» , si legge nella dichiarazione.

L'Inghilterra ha anche annunciato di aver rimosso il Liechtenstein dalla sua lista di esenzione dai viaggi, a causa di un aumento del numero di infezioni da COVID-19. I cittadini del Liechtenstein che cercano di entrare in Inghilterra dal 25 ottobre dovranno autoisolarsi per 14 giorni.

Secondo i recenti dati pubblicati dalle autorità del Liechtenstein, l'incidenza settimanale per 100.000 ha segnato un aumento da 65,1 del 14 ottobre a 244,9 del 21 ottobre, che equivale a un aumento del 276%.

Per quanto riguarda il Regno Unito, si sono registrati fino a questo momento oltre 810.400 casi di infezione, mentre sono morte in totale 44.347 persone.

Dall'inizio della seconda ondata di infezioni da COVID-19, il 18 settembre, nel Regno Unito, il governo ha registrato un totale di 2.191 decessi all'interno del Regno, mentre 1.903 di questi sono stati registrati in Inghilterra.

All'inizio di questo mese, l'Inghilterra ha rimosso dalla sua lista dei corridoi di viaggio San Marino, l'Italia e lo Stato della Città del Vaticano, dopo aver stimato che i casi di infezione da COVID-19 in questi paesi stavano aumentando.

Il governo del Regno Unito ha anche annunciato di aver aggiunto l'isola greca di Creta alla sua lista di viaggio.

Il 10 ottobre, le autorità inglesi hanno rimosso le regole di quarantena per i cittadini che desideravano entrare nel paese dopo aver visitato le isole greche di Santorini, Serifos, Lesbo, Tinos e Zante, poiché queste zone erano incluse nell'elenco dei corridoi di viaggio del paese.

I danesi consigliano di evitare viaggi non essenziali a Cipro, Lettonia e Germania

I cittadini e i residenti danesi sono fortemente scoraggiati dall'intraprendere qualsiasi viaggio che non sia assolutamente necessario per Cipro, Lettonia e Germania a partire da sabato 24 ottobre fino a nuovo avviso.

Nel suo aggiornamento settimanale delle linee guida di viaggio per gli Stati membri dell'UE, i quattro paesi Schengen associati e il Regno Unito, il ministero degli Affari esteri danese ha scoraggiato i suoi cittadini dall'intraprendere viaggi non essenziali in altri tre paesi.

La decisione è stata presa sulla base degli ultimi dati sulle infezioni pubblicati dallo Statens Serum Institut, i cui dati mostrano che il numero di infezioni a Cipro, Lettonia e Germania è aumentato negli ultimi giorni.

«Questa settimana, Cipro (47,9), Lettonia (35,6) e Germania (42,1) sono stati aggiunti all'elenco dei paesi in cui tutti i viaggi non necessari sono scoraggiati a causa di un numero eccessivo di persone infette sulla base dei dati di SSI», specifica in una nota del comunicato stampa il Ministero per gli Affari Esteri danese. Inoltre, il MAF ha attivato il meccanismo nordico per la Svezia, consigliando ai suoi cittadini di evitare i viaggi nelle seguenti nuove regioni:

  • Norrbotten
  • Skåne
  • Sörmland
  • Västra Götaland

Sebbene i danesi non siano invitati a viaggiare in queste regioni svedesi, gli svedesi che raggiungono la Danimarca da lì possono entrare nel paese con uno scopo riconoscibile o presentando un test COVID-19 negativo all'ingresso, poiché per la Svezia si applicano regole speciali di restrizione all'ingresso.

Le stesse regole speciali si applicano anche allo Schleswig-Holstein in Germania, secondo cui le regioni con tassi di infezione superiori a 30 sono mantenute aperte ai viaggi. Lo Schleswig-Holstein in Germania ha, tuttavia, un tasso di infezioni inferiore a 30.

A causa delle nuove modifiche, i viaggi nei seguenti paesi e regioni non sono attualmente raccomandati: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Irlanda, Islanda, Italia, Croazia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, San Marino, Svizzera, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Regno Unito, Svezia, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria e Vaticano.

Come per l'ingresso in Danimarca, dal 24 ottobre, anche chi proviene dai seguenti stati necessita di avere una motivazione valida per entrare in Danimarca: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Repubblica Ceca, Francia, Germania (ad eccezione dello Schleswig-Holstein), Ungheria , Irlanda, Islanda, Italia, Liechtenstein, Lituania, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Monaco, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, San Marino, Svizzera, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Regno Unito, Svezia (con alcune eccezioni), e il Vaticano.

Tutti coloro che arrivano da questi ultimi paesi dovranno autoisolarsi all'arrivo in Danimarca.

L'Associazione belga per la gestione dei viaggi esorta il governo a organizzare il test COVID-19 negli aeroporti

L'industria dei viaggi e dell'aviazione del Belgio ha esortato il governo del paese a implementare test antigenici negli aeroporti per rilevare i viaggiatori con COVID-19, al fine di facilitare il movimento dei viaggiatori.

Air Belgium, ABTO, A4E, BATA, BAR Belgium, BATM, Belgian Travel Organization, Brussels Airport Company, Brussels South Charleroi Airport, Brussels Hotels Association, IATA, CLIA, UPAV e VVR hanno sollevato le loro preoccupazioni comuni, chiedendo al governo di eseguire i test, invece delle regole di quarantena obbligatorie.

«La crisi del COVID-19 colpisce l'industria dell'aviazione in modi senza precedenti ed è diventata una questione di sopravvivenza. L'industria del turismo e dei viaggi, i vettori aerei, gli aeroporti, tutti gli attori di questi settori chiedono al governo belga di implementare con urgenza test antigenici negli aeroporti al posto della quarantena, al fine di facilitare i viaggi dei viaggiatori», afferma la Belgian Association of Travel Management (BATM).

L'International Air Transport Association (IATA) aveva annunciato in precedenza che il traffico aereo aveva registrato una diminuzione di quasi il 70% durante tutto il 2020. Le chiusure delle frontiere e le perdite finanziarie causate dalla pandemia di Coronavirus sono considerate le ragioni principali che hanno portato a una diminuzione della domanda di trasporto aereo.

Alcuni aeroporti europei, come quelli di Milano, Francoforte, Roma, Londra e Parigi hanno annunciato che il sistema di test antigenici, che porterebbe a risultati più rapidi dei test COVID-19, è in fase di elaborazione.

«Concentrandoci sui test piuttosto che sulla quarantena, siamo sempre più sicuri che il virus non viaggerà con i passeggeri», si legge nella dichiarazione.

Tuttavia, a causa della situazione epidemiologica del COVID-19 in Belgio, il paese sta attualmente pensando di rafforzare le sue misure preventive per fermare le crescenti infezioni da COVID-19. Tale decisione è stata annunciata venerdì dal primo ministro Alexander De Croo in una conferenza stampa.

I dati pubblicati dall'istituto di ricerca belga Sciensano hanno dimostrato che nell'ultima settimana, quasi 10.000 persone al giorno sono risultate positive al COVID-19.

Dal 12 ottobre al 18 ottobre, una media di 9.692,6 persone ha contratto il virus mortale, al giorno, che segna un aumento del 75% rispetto alla settimana precedente.

Il Consiglio dell'Unione Europea aveva precedentemente adottato una raccomandazione della Commissione per restrizioni coordinate ai viaggi all'interno degli Stati membri. Ma gli organismi aeronautici europei hanno definito tale proposta un fallimento e insufficiente per aiutare a viaggiare all'interno del blocco.

La decisione di alcuni aeroporti europei di implementare i test alla partenza, invece di utilizzare le regole di quarantena, è stata accolta con favore dal World Travel & Tourism Council, che ha considerato il movimento un passo incoraggiante per aiutare la riapertura dei viaggi aerei internazionali .

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci