ENPA: àverla capirossa soccorsa a Luceto dai volontari ma deceduta poco dopo

Borghetto Revisioni

Un’averla in difficoltà a Luceto (Albisola Superiore) è stata soccorsa dai volontari della Protezione Animali e ricoverata presso la sede dell’Enpa ma, malgrado le cure, è deceduta poco dopo, probabilmente per una lesione interna dovuta al’impatto con un ostacolo.

Questo passeraceo ha fama di feroce assassino presso il mondo rurale ed accademico, per la sua abitudine di infilzare gli insetti catturati sugli spini delle siepi vicine al suo nido, allestendo una mostra di piccoli corpi simile ad una macelleria; ma alla base di questo atteggiamento c'è invece un “difetto” della specie che ha portato questi uccelli ad avere un comportamento spietato; infatti, non possedendo i potenti artigli presenti invece nei rapaci, non riescono ad immobilizzare le prede e di conseguenza hanno sviluppato una complessa tecnica che consiste nel trattenerle infilzandole sui ramoscelli o filo spinato per poi mangiarle con tutta tranquillità.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci