Condividi l'articolo

Laigueglia. Oggi, sabato 22 luglio, la Confraternita dei Disciplinanti di Santa Maria Maddalena festeggerà per la 469° volta la Sua Santa Patrona.

Il programma religioso ha visto un sacro triduo nei giorni 19-20-21 luglio con S. Messe alle ore 18:00 in Oratorio.

S.Messa solenne alle ore 18:00 celebrata da don Danilo Galliani Arciprete e parroco di san Matteo.

Alle ore 19.30 presso via Mazzini raduno delle Confraternite ospiti provenienti da tutta la Liguria che dal 1981 si danno puntualmente appuntamento per onorare “L’apostolo tra gli Apostoli, S.M.Maddalena”.

Confermato l’arrivo, unico nel suo genere, della statua della Santa, scolpita dal nipote del famoso Maragliano nel 1740, dal mare in onore delle tradizioni marinare del borgo. Essa infatti arriverà sul molo centrale su di un gozzo, accompagnata dagli altri gozzi laiguegliesi. A far da corona ci saranno altre imbarcazioni di pescatori di Laigueglia e di tutti quelli che dal mare traggono lavoro e fatica oltre che a tutti quelli che avranno il piacere di accompagnare l’arrivo a Laigueglia di S.Maria Maddalena.

Sarà presente anche quest’anno il Prefetto della provincia di Savona dott. Enrico Gullotti insieme alle più alte cariche militari e civili locali e regionali ad onorare la co-patrona di Laigueglia insieme a San Matteo. La scorta d’onore sarà assicurata dai Carabinieri in alta uniforme della locale stazione.

Inoltre unitamente alle autorità civili saranno rappresentati anche il corpo dei Carabinieri con il comandante della stazione di Laigueglia, il comandante della Capitaneria di Porto di Andora, della Polizia Locale sempre di Laigueglia e con una rappresentanza dei Marinai d’Italia

Alle ore 21.15 circa quindi con l’arrivo della statua della Santa inizierà la processione religiosa che accompagnata dagli artistici Crocifissi sfilerà per le vie del centro storico di Laigueglia con la banda filarmonica di Pietra Ligure, sino alla sua conclusione nella maestosa chiesa parrocchiale di san Matteo.

Notizie storiche

Sin dalla costituzione della nostra Confraternita, sul finire del XVI secolo ( il primo statuto scritto a noi pervenuto è del 1554 ) il momento più solenne di tutto l’anno è la festa Patronale di S.Maria Maddalena. Nei secoli scorsi la festa iniziava alla vigilia con l’allestimento di un grande falò, proseguiva il giorno dopo con solenni funzioni al termine delle quali si svolgeva la processione. Alla sera venivano sparati dei primitivi fuochi d’artificio (i così detti mascoli). Le funzioni religiose si alternavano a momenti di divertimento e svago per ben 8 giorni. Nel libro dei conti della Confraternita troviamo tra le varie spese quella per la legna da ardere per il falò, per i mascoli sparati il giorno della festa, la paga per i Sacrestani che avevano dormito e custodito l’Oratorio, per il Predicatore per aver fatto il Panegirico etc.

c.s.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici