Investimenti milionari per il porto di Savona

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Savona. Nuovi lavori previsti al porto di Savona, mentre proseguono i dragaggi davanti alla Torretta. L’Autorità di sistema portuale ha pubblicato un bando da un milione e mezzo circa per la manutenzione agli impianti elettrici dei porti di Genova e Savona-Vado. L'annuncio arriva da La Stampa.

I lavori riguardano soprattutto la manutenzione e il rifacimento di parte degli impianti di illuminazione dei due porti; per lo scalo di Savona si tratta della manutenzione di impianti di illuminazione e torri faro a cui seguiranno altri interventi per la sistemazione degli impianti danneggiati dalla mareggiata del 29-30 ottobre, finanziati con 34 milioni di euro già messi a bilancio dall’Autorità di sistema portuale. I lavori del bando da 1,45 milioni, che scade il 31 maggio, riguarderanno anche gli impianti antincendio del capannone T2 in porto e l’archivio dell’Autorità di sistema; il rifacimento dell’impianto di rilevazione fumi oltre alla dotazione di estintori e manichette per idranti.

E’ previsto invece entro una decina di giorni la chiusura dell’iter che prevede la firma dell’ordinanza da parte del Capo Dipartimento Protezione Civile, e l’adozione del decreto da parte del Commissario Toti, per applicare le deroghe che consentiranno la realizzazione del Piano degli interventi al porto, per riparare i danni della mareggiata dello scorso ottobre, con contenimento dei tempi per l’avvio dei lavori (soma complessiva prevista 34 milioni). Gli interventi sugli impianti elettrici prevedono un investimento di 700 mila euro per quello che riguarda lo scalo di Savona e 1,5 milioni per quello di Vado Ligure. A Vado gli impianti di illuminazione danneggiati sono soprattutto quelli delle banchine, mentre a Savona i danni maggiori sono stati quelli alle torri faro del piazzale dove venivano stoccate le auto. I rappresentanti sindacali della Compagnia portuale Pippo Rebagliati avevano segnalato la difficoltà a lavorare con la scarsa illuminazione, che si è cercato di compensare con l’uso provvisorio di un generatore.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci