Albenga e Loano: tre arresti in cinque giorni nei confronti di soggetti in stato di alterazione da abuso di sostanze alcoliche o psicotrope

Pista Kart Indoor Albenga

Negli ultimi cinque giorni i Carabinieri della Compagnia di Albenga, sono intervenuti, a seguito di richieste pervenute al Numero Unico d’Emergenza “112” tra Albenga e Loano per bloccare (neutralizzando il rischio di ulteriori conseguenze) tre soggetti stranieri (un marocchino, un polacco ed un tunisino) in tre distinte occasioni ma tutti accomunati dallo stesso forte stato di agistazione psicofisica dovuto dall’abuso di sostanze alcoliche ed almeno in un caso da un mix di alcool e droga.

Nello specifico, sabato scorso, i militari della Sezione Radiomobile della Compagnia ingauna hanno tratto in arresto un cittadino marocchino che stava devastando un camping ad Albenga, rompendo supplettelli, elementi di arredo di un paio di bungalow, dopo aver corso sui tetti dei camper e delle roulotte di alcuni campeggiatori rimasti impietriti dalla violenza scatenata dal nordafricano.

Un Carabinere durante la colluttazione è rimasto lievemente ferito.

Dopo la convalida dell’arresto il Giudice ha disposto per il pericoloso soggetto, la custodia cautelare in carcere. I Carabinieri di Albenga hanno immediatamente avviato le procedure volte all’espulsione dal territorio nazionale con accompagnamento coattivo dell’individuo nel proprio Paese di origine, al termine del suo periodo detentivo presso il carcere di Imperia.

Martedì, ancora ad Albenga, presso l’Ortofrutticola di Regione Massaretti, i Carabinieri della Radiomobile sono nuovamente intervenuti per placare l’ira di un polacco 45enne, regolarmente residente in Italia, il quale era andato in escandescenza in preda ai fumi dell’alcool. Lo stesso dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale.

Infine, stanotte, a Loano, i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti per bloccare ed arrestare un violento cittadino tunisino palesemente ubriaco, il quale aveva appena aggredito il titolare dell’esercizio, dopo aver già precedentemente creato scompiglio in un’altra attività commerciale. All’arrivo dei Carabinieri, lo straniero si è scagliato contro le divise, ma è stato subito atterrato e ammanettato. Durante le fasi di placcaggio i militari sono rimasti contusi e hanno dovuto ricorrere alle cure mediche presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. L’arrestato al termine dell’attività di fotosegnalamento verrà accompagnato davanti al Giudice per il rito direttissimo. Per lui le accuse sono di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

Si stanno verificando sempre più spesso, dunque, interventi da parte dei militari dell’Arma in situazioni di potenziale pericolo derivato essenzialmente dalla non facile gestione di soggetti in escandescenza perlpiù dovuta allo stato di forte ebbrezza alcolica, tale da dover ricorrere all’uso legittimo della forza ma anche alle cure mediche conseguenti alle concitate fasi dell’intervento che, necessariamente, deve essere immediato, determinato e soprattutto risolutivo.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi