Tra Loano e Pietra spunta un dossier sui parroci indisciplinati

Pista Kart Indoor Albenga

Loano. Nelle parrocchie della Diocesi di Albenga spunta a sorpresa una relazione sui vicariati di Loano e Pietra Ligure che offre uno spaccato su come vengono amministrate le chiese di quei due territori facendo emergere tutte le negligenze da parte di sacerdoti e parroci. Una fotografia molto dettagliata scattata dagli “ispettori” inviati dai vicari Edmondo Bianco e Alessio Roggero, ora stampata in un dossier dopo un’indagine avviata, a quanto pare, all’insaputa anche del vescovo Guglielmo Borghetti.

Una relazione di decine di pagine che apre uno squarcio sulla vita della Chiesa locale, ma che al tempo stesso ha spaccato in due il Clero che si è trovato tra le mani l’inedito dossier, il primo di quel tenore da quando esiste la Diocesi. «Molti sacerdoti sono impegnati a dare una nuova impronta al processo di evangelizzazione più che a rispettare regole ferree che appartengono ad una Chiesa vecchia», è stato detto dai contrari a quella che potrebbe suonare come una inquisizione fuori da ogni schema.

Nella relazione che ha scatenato accese reazioni tra i sacerdoti della Diocesi albenganese emerge ad esempio l’utilizzo di tricorni, manipoli, stole incrociate e catafalchi. In due chiese ispezionate poi è stato rilevato che l’altare non è fisso, ma mobile. Su tre di questi compaiono le cartagloria legate alla forma straordinaria, in cinque chiese non compaiono i leggii, ma il messale è posto sull’altare. In 11 chiese il cero pasquale è lontano dall’ambone o posto nell’aula dei fedeli. In una chiesta sono posti i reliquari sui gradini dell’altare. Spicca poi in una chiesa “ispezionata” il pulpito ligneo («totalmente estraneo all’arredo di quella chiesa che è molto disordinato») usato per l’omelia. I presbiteri appaiono per lo più in disordine.

Dicono indispettiti quelli contrari all’indagine dei due vicari commissionata a collaboratori “segreti”: «Seguendo le linee guida del Pontefice, fatte proprie dal vescovo, cerchiamo di rispondere sempre più coerentemente e autenticamente alla vocazione per la vita sacerdotale e religiosa e alla missione al servizio del Popolo di Dio più che preoccuparci della posizione dei leggii e del cero pasquale».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi