Toti su trasporti e scuole per una ripartenza sicura

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Liguria. “Ieri abbiamo chiesto linee guida applicabili al trasporto pubblico per il 14 settembre, quando le scuole riapriranno. Ecco la prima idea del Governo: no al distanziamento sui mezzi tra compagni di scuola o di lavoro, considerati ‘congiunti’. Siamo all’assurdo”. Parola del governatore ligure Giovanni Toti che ha commentato così quella che sembra essere la prima “idea” proposta dal ministero per risolvere il problema dei trasporti in Liguria, e non solo, in vista della riaperture della scuole. Ieri, il confronto tra Governo e Regioni su scuola a trasporti si era concluso con un nulla di fatto: l’obiettivo è arrivare ad un protocollo condiviso sulle regole. E oggi è arrivata la “prima idea”, con compagni di scuola o di lavoro considerati “congiunti”, considerata “assurda” da Toti, che ha palesato tutto il suo dissenso in un lungo posto sulla sua pagina Facebook. “Una prima idea, quella del Ministero dei Trasporti, mai concordata, a differenza di quanto dicono dal Governo, con le Regioni. L’idea è questa, sentite bene: consideriamo i compagni di scuola e di lavoro come ‘congiunti’, dunque potranno viaggiare a meno di un metro di distanza l’uno dall’altro. Ma solo compagni di scuola e compagni di lavoro. Avete letto bene. Quindi due compagni di liceo che abitano dalla parte opposta della città dovrebbero prendere lo stesso autobus? Si troveranno a metà strada?”, ha ironizzato amaramente Toti. Che è poi partito all’attacco con una serie di quesiti e una stilettata al Governo: “E gli operai di una stessa officina che provengono da Voltri o dalla Foce, per fare un esempio di Genova, dovrebbero trovarsi da qualche parte per salire tutti insieme sullo stesso autobus? Ma al Ministero del Trasporti lo sanno come funziona il sistema dei trasporti? Glielo provo a spiegare: uno studente o un lavoratore, scende di casa, va alla fermata più vicina di autobus, tram, metro, oppure alla stazione, sale sul primo mezzo che passa e parte. E l’autista cosa dovrebbe fare, chiedere a chi sale… ‘Scusi lei è studente del D’Oria? Allora a destra. Lei lavora a Fincantieri? Allora vicino a quel signore laggiù che è suo collega’”.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci