Savona, profugo senegalese accoltellato da un connazionale: è gravissimo

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Savona 17 marzo 2018. Il fatto è accaduto, in serata verso le ore 20,30, presso una casa di accoglienza, gestita dalla fondazione l’Ancora, in via Fontanassa Savona, dove attualmente sono ospitati sei migrantirichiedenti asilo e un mediatore cunturale
L'aggressione è stata compiuta da Konate Mandjann, nato in Guinea, connazionale della vittima Bayo Fode accoltellate alle spalle e al collo, mentre stava riposando nel proprio letto .

Allertati dal 112 i Carabinieri della Caserma di Savona coordinati dal Maggiore Ragusa, sono prontamente intervenuti all'interno della struttura. Nel contempo l'aggressore si era barricato nel vano cucina dove i militari sono stati costretti a sfonadre la porta per arrestare Konate Mandyan che, sentendosi braccato, armato di due coltelli a serramanico, si è avventato contro i militari, rimasti feriti.

La vittima, soccorsa dal personale del 118, è stata trasportata in codice rosso all'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, dove versa in gravissime condizioni.
I carabinieri dopo una perquisizione all'interno della struttura hanno rinvenuto 5 coltelli a serramanico. L'aggressore è stato arrestato per tentato omicidio per futili motivi, violenza e resistenza Pubblico Ufficiale. Trasferito in caserma in stato di fermo, è stato poi recluso presso il carcere di Genova Marassi a disposizione delle autorità.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci