Condividi l'articolo

Genova. “Siamo passati dall’essere eroi a essere completamente dimenticati”. C’e forte malcontento tra i lavoratori della sanità privata che hanno vita a un presidio davanti alla Prefettura di Genova per protestare contro la mancata firma definitiva del rinnovo del contratto di lavoro e della mancata apertura del confronto. A promuovere la manifestazione sono stati o sindacati confederali FP CGIL-CISL FP- UIL FPL “In Liguria sono coinvolte oltre tremila persone – spiegano – e le associazioni Datoriali Aris e Aiop, dopo aver sottoscritto la pre- intesa con i sindacati il 10 giugno, si sono vergognosamente rifiutati di apporre la firma definitiva”.

Un malumore, da parte dei lavoratori, che nasce da un rinnovo contrattuale disatteso. “In un periodo contrassegnato da una gravissima emergenza sanitaria – concludono i sindacati – lavoratori e lavoratrici del comparto della sanità privata e delle Rsa , definiti eroi da media e datori di lavoro, sono già stati derubricati dalle aziende a mero costo, non sostenibile in termini di bilanci societari”.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici