Salvare Pietra Medica, il sindaco Valeriani scrive alla Regione e all'Asl

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Pietra Ligure. «Professionali e disponibili» dicono i pazienti sui social a proposito delle prestazioni offerte da «Pietra Medica». Il poliambulatorio medico di viale della Repubblica, diventato in dodici anni di presenza, un «fortino» sicuro per i pietresi, soprattutto per le persone anziane, rischia di dover ridurre i servizi. La scure della Regione si è abbattuta non solo ad Alassio e presto anche a Laigueglia, ma anche a Pietra Ligure. Una situazione di grave incertezza che pesa sull’assistenza sanitaria locale e che preoccupa anche l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Dario Valeriani. Proprio il primo cittadino pietrese ha deciso di affrontare il problema a muso duro e con il massimo impegno. Ha preso scritto una lettera in Regione e all’Asl. Una missiva che contiene osservazioni e soprattutto una precisa richiesta: tutelare il prezioso servizio offerto dal centro medico locale. La lettera è stata indirizzata all'assessore regionale alla Sanità Sonia Viale e a Paolo Cavagnaro, quest’ultimo fresco di nomina diventato commissario straordinario dell’Asl2 dopo aver preso il posto di Eugenio Porfido. L’accorato appello che il sindaco Valeriani rivolge all’ente regionale e dall’Azienda sanitaria locale savonese è quello di intervenire per garantire il prosieguo delle attività del centro salute. «Sono ormai trascorsi dodici anni da quando in Pietra Ligure è stato istituito il servizio di medicina di base conosciuto come «Pietra Medica» e che da allora non ha chiuso un giorno – si legge nella missiva del primo cittadino pietrese - Il servizio ha subito raccolto l'entusiastica approvazione da parte della popolazione residente e turistica divenendo un importante punto di riferimento per tutto l'Ambito Sociale numero 21 consolidandosi negli anni».

Ma Valeriani spiega anche altre ragioni per le quali dovrebbe essere tutelato il servizio: «Il centro medico si è ben integrato nel territorio anche con l'ospedale Santa Corona dando un sensibile snellimento alle lista di attesa per i codici meno impegnativi del pronto soccorso». E pur con un mandato ormai agli sgoccioli e la probabilità di riconfermare la sua candidatura Valeriani ricorda anche che «il Comune ha sempre fatto il possibile sostenendo il centro anche economicamente. Ora però le difficoltà sono notevolmente aumentate e per continuare tali servizi chiediamo, sia all'ASL che alla Regione Liguria, di intervenire per quanto possibile per assicurare un futuro a «Pietra Medica»».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci