Rubati 200 mila euro di endoscopi al Santa Corona di Pietra Ligure

200.000 euro il danno stimato del furto messo a segno da ignoti.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Pietra Ligure. Ammonterebbe a 200.000 euro il danno stimato del furto messo a segno da ignoti, la scorsa notte, all’ospedale Santa Corona, nella struttura di Gastroenterologia ed endoscopia digestiva, situato al primo piano del padiglione Negri.

Dato che l’accesso principale del padiglione resta aperto 24 ore su 24, ai ladri è bastato forzare la serratura della porta d’ingresso per raggiungere i due armadietti (chiusi a chiave) dove erano custoditi 9 dei 18 endoscopi di cui dispone il reparto.

Si tratta di un furto senza dubbio mirato e non sarebbe l’unico verificatosi sul territorio nazionale. Probabilmente si tratta di una banda di ladri specializzati, interessati a sottrarre attrezzature sanitarie da destinare al mercato nero, precisano dalla Compagnia dei carabinieri di Albenga che sta indagando sulla vicenda.

Sono stati inoltre sottratti due software necessari per effettuare l’esame in endoscopia da una delle due colonne operative, rendendola così inutilizzabile. In particolare una fonte di luce e un video processore Olympus serie 190, il più nuovo dei due presenti in reparto.

"Si tratta di un furto importante che ci addolora anche perché gli endoscopi rubati erano stati donati al reparto dall’associazione Bertolazzi, fondata dall’ex primario Giorgio Marenco - spiega la caposala Caterina Capelli -. Inoltre siamo costretti a riorganizzare le visite. Essendo rimasti con il 50 per cento degli endoscopi, il nostro lavoro sarà più lento. Nel frattempo, ci stiamo attivando per reintegrare la strumentazione. Ma non sarà facile".

(fonte: La Stampa)

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci