Progetto #Terra Acqua Fuoco: Albissola e le botteghe artigiane di ceramica finiscono online

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Albissola Marina. Nato come omaggio alla tradizione ceramica albisolese in occasione dell'edizione 2020 di Buongiorno Ceramica [LINK: http://www.buongiornoceramica.it/home/buongiorno-ceramica/programma-2020/]

(manifestazione di punta del calendario di eventi dell'AICC - Associazione Italiana Città della Ceramica), il progetto “Terra Acqua Fuoco” continua con un viaggio di scoperta all'interno dei laboratori ceramici di Albissola Marina. Protagonisti: gli artigiani, che vivendo e lavorando sul territorio hanno registrato un modellare l'argilla e creare arte con la stessa passione degli antichi maestri.

Barbara Arto, Michelle Bernart, Arturo Bertagnin, Dario Bevilacqua, Giovanni Poggi, Giovanni Rossello, Monica Viglietti : 7 dei più importanti artigiani in attività ad Albissola Marina hanno aperto le porte delle loro botteghe per farci conoscere il mondo della ceramica di Albissola, un mestiere che ha una storia antica, indissolubilmente intrecciata con la storia della città.

Così racconta l’iniziativa il Vice Sindaco Nicoletta Negro, con delega alla Ceramica:

“Il momento delicato che sta attraversando l’Italia ed in particolare l’artigianato artistico, ci ha spinto ad investire nella promozione dedicata proprio alle nostre botteghe ceramiche. Un segnale di riconoscenza nei confronti di chi ancora oggi tramanda la storia che più ci caratterizza a livello nazionale ed internazionale. Senza la tradizione racchiusa all’interno delle manifatture non sarebbe mai esistita la grande stagione degli anni ’50, che ancora oggi ci contraddistingue e dà stimoli a una nuova generazione di artisti che ancora frequenta la nostra bellissima Albissola Marina”

D'altronde, la produzione ceramica è nel dna del territorio di Albissola: è arrivata la favorita dai depositi di argilla rossa e dalle cave della terra bianca, dai boschi molto estesi, da cui ricavare legna per i forni, dalla zona del mare che ne facilò il commercio e il trasporto.

I ritrovamenti di vasellame o piatti hanno portato gli archeologi a datare al Millequattrocento di una produzione che, nel tempo, si è evoluta e ha dato lavoro a buona parte della popolazione. All'inizio dell'Ottocento, nelle due Albisole (in particolare a Marina) erano attive più di cinquanta fabbriche di pentole, che producevano milioni di pezzi, esportati in tutto il mondo sui particolari velieri che attraccavano fin sulla spiaggia. Accanto a una produzione per così dire industriale, a poco a poco si sviluppa una rielaborazione artistica di oggetti d'uso (come vasi e piatti) ma anche di decoro. Con l'affermarsi del modernismo e, nei tardi anni Venti del Novecento, del Futurismo, le fabbriche di Albissola si afferma nel nascente settore del design ceramico e in quello della ceramica artistica internazionale.

Oggi Albissola è più che mai scrigno d'arte. E il lavoro che, pur tra mille difficoltà, viene portato avanti dagli artigiani è componente chiave di una località che continua a trovare nella ceramica il tratto fondamentale della propria identità culturale.

Oggi andrà online e sulle principali piattaforme social del Comune di Albissola Marina e del MuDA – Museo Diffuso il primo video generale dal titolo: # Terra Acqua Fuoco: Albissola e le botteghe artigiane di ceramica, una panoramica di Albissola Marina e delle sue meraviglie.

Un doveroso ringraziamento va a Silvia Basso ideatrice e curatrice del progetto insieme a Luca Bochicchio, una regia professionale che si è avvalsa di professionisti dell’immagine che, anche grazie all’utilizzo di droni e telecamere di ultima generazione, hanno portato a risultati davvero efficaci.

Maggiori info e dettagli http://www.museodiffusoalbisola.it/index.php/sedi/terra-acqua-fuoco

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci