Ponte Morandi, dalla Regione un fondo di garanzia per dare ossigeno alle imprese

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Genova. Approvata dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti, l’attivazione di un fondo di garanzia, con una dotazione iniziale di 2 milioni di euro del Fondo strategico regionale, successivamente integrabile, per dare liquidità alle piccole e medie imprese liguri danneggiate dal crollo del Ponte Morandi. “Il fondo – dice l'assessore Benveduti – servirà a dare la liquidità necessaria alle imprese, non solo genovesi ma liguri in generale, per fronteggiare le spese correnti, ad esempio per pagare stipendi e contributi, imposte, scorte, locazioni, utenze e compensi societari, in attesa di un legittimo e veloce risarcimento non solo per il lucro cessante ma anche per i danni indiretti. È una misura immediata per far fronte alle esigenze dell’esercizio di brevissimo periodo. Con il supporto di Filse, si sono svolti incontri tecnici con il sistema bancario e i consorzi di garanzia per la messa a punto di un’azione efficace”. I beneficiari del Fondo potranno essere le pmi e professionisti che hanno presentato a Regione Liguria attraverso le Camere di commercio competenti per territorio il modello AE. Le garanzie dirette e indirette del Fondo sono rilasciate fino a un importo totale pari a 7 volte la consistenza del Fondo disponibile (“Moltiplicatore 7”). L’agevolazione è concessa in regime “de minimis” sotto forma di garanzia o controgaranzia fino all’80% sul finanziamento concesso dalla banca convenzionata o sulla garanzia deliberata da Consorzi Fidi a supporto del finanziamento deliberato.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci