Piaggio e Laerh si accordano per nuova produzione e per la ripartenza

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Villanova d'Albenga. Tre settimane di tempo per presentare le manifestazioni di interesse per rilevare la Piaggio nella speranza, come più volte invocato dai sindacati, che non si ricorra ad uno «spezzatino» dei reparti industriali dell’azienda aeronautica. In vista della scadenza del 29 maggio ci sono sviluppi per la Laerh di Albenga, azienda strettamente collegata con lo stabilimento di Villanova d’Albenga. E’ stato appena sottoscritto un contratto che prevede la fornitura di nove fusoliere. Servono alla produzione di altrettanti velivoli P180. Un contratto che ha un valore di 8 milioni di euro e che si inserisce nella commessa da 143,5 milioni assegnata a Piaggio dalle Forze Armate. D’intesa Piaggio e Laerh saranno impegnate nella realizzazione di nove velivoli (più un refitting). «Si tratta di attività indispensabile per riportare in fabbrica almeno parte delle centinaia di dipendenti ancora in cassa integrazione», fanno sapere Andrea Pasa e Andrea Mandraccia, rispettivamente segretario provinciale della Cgil e della Fiom. Insieme hanno seguito passo passo l’odissea delle due aziende, la prima è commissariata da fine 2018. Un percorso travagliato che si è tradotto anche in una emorragia di lavoratori: i dipendenti in organico sono scesi da oltre 1.100 a meno di 900. Motori e service garantisco lavoro a 280 persone a Villanova e a un centinaio a Sestri Ponente. Per la Laerh di Albenga con l’ordine per i P180 è stato possibile far rientrare in azienda 22 dei 43 dipendenti, una ventina quelli che hanno superato i cancelli alla Piaggio.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci