Nicola Abbundo e Matteo Marcenaro condannati dalla Corte dei Conti

  • Redazione
  • meno di un minuto (123 parole)
  • Cronaca
  • genova
La TUA pubblicità qui. Contattaci

Nell'ambito della cosiddetta inchiesta sulle spese pazze nel consiglio regionale della Liguria, i giudici della Corte dei Conti hanno condannato a risarcire oltre 52 mila euro gli ex consiglieri Nicola Abbundo e Matteo Marcenaro, all'epoca dei fatti appartenenti al gruppo Moderati per il Pdl.

Ai due ex consiglieri, la procura contabile contestava spese per oltre 52 mila euro ritenute non inerenti all'attività istituzionale nel secondo semestre del 2008.

Tra le spese ritenute illecite ci sono quelle per numerose bottiglie di champagne, acquisti in oreficeria, specialità alimentari, porcellane da collezione, cravatte sartoriali, oltre a un viaggio in Norvegia. Tutte spese che secondo i giudici contabili "palesemente non possono essere riferite ad attività istituzionali". Da qui la condanna a dover risarcire oltre 52 mila euro.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci