Mareggiata di fine Giugno tragedia e danni ingenti

Anche nel Ponente I primi problemi si sono registrati dopo le 15 quando tra Pietra e Finale il mare ha praticamente raggiunto le cabine degli stabilimenti balneari.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Il mare ha iniziato a mostrare la sua forza poco dopo mezzogiorno mentre un vento, a tratti caldo, soffiava impetuoso su tutta la Riviera da Levante a Ponente. Se la pioggia, come del resto non ha fatto visita nella nostra provincia (bisognerà attendere ottobre per vederla) con il problema della siccità sempre più grave, il mare non ha certo risparmiato di fare danni.

Anche nel Ponente I primi problemi si sono registrati dopo le 15 quando tra Pietra Ligure e Finale Ligure il mare ha praticamente raggiunto le cabine degli stabilimenti balneari, suscitando non poche preoccupazioni. Afferma una titolare di uno stabilimento di Borgio Verezzi: «Fortunatamente con gli strumenti meteo che monitoriamo con attenzione avevamo preso le dovute cautele, riparando ombrelloni e sedie a sdraio. Il problema semmai sarà nelle prossime ore: se il mare, come previsto, diminuirà la sua furia, il fine settimana potrebbe essere molto propizio per il turismo».

Purtroppo a Savona, causa anche l’imprudenza, si è verificata una tragedia con un turista moldavo annegato.

La Cronaca:

Alle h 12:40 Circa la sala operativa dei Vigili del Fuoco di Savona riceve una chiamata dove si chiedeva l'intervento per un soccorso in mare di 4 persone che si sarebbero trovate in difficoltà a causa dei forti marosi in quel momento presenti nello specchio acqueo antistante fortezza Priamar. Subito si allertava il Gommone VF1107 del Distaccamento Portuale di Savona che si recava insieme alla motovedetta SAR della Cp di Savona sul luogo dell'intervento. Via terra la Squadra 1A della Centrale di Savona e il Nucleo SMZ di Genova, insieme al personale della CP a terra, coordinavano le operazioni di soccorso rese davvero difficili dal mare molto mosso che infrangeva a diverse centinaia di metri di fronte alla battigia.

Alle h 13:00 circa 3 persone delle 4 messe in salvo , di cui 1 ricoverata in ospedale.

Nel frattempo il gommone VF1107 era impegnato nella ricerca della quarta persona a circa 200 mt da terra assieme alla Motobarca Sar della CP ...

L'elicottero Drago dei Vigili del Fuoco localizzava il corpo della quarta persona esanime in galleggiamento.

L'elicottero della CP giunto dopo sul posto procedeva al recupero del cadavere un uomo di 54 anni di nazionalità moldava ma residente nel torinese.Intanto la procura di Savona ha aperto una inchiesta per scoprire l'esatta causa della morte dell'uomo.

Sul posto anche 2 volanti della Polizia e 1 dei carabinieri. 118 e 2 ambulanze.

Dopo le 18 la situazione ha iniziato a calmarsi ed il vento è calato di molto. Da domani il caldo sarà nuovamente protagonista. I siti meteo annunciano un cambiamento per la Liguria, con pioggie copiose, per la metà della prossima settimana. Un evento che verrà presto smentito perché il caldo ed il sole non daranno tregua ancora per tre mesi.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci