Loano: donna anziana apre a dipendenti della società del gas ma viene derubata

I presunti addetti avevano accento straniero e sprovvisti di divisa e cartellino identificativo.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Loano. È successo intorno alle ore 10 di questa mattina in Via Palestro, quando alla porta dell'abitazione di due piani nella quale vive sola una pensionata di 87 anni, si sono presentati due uomini dall’accento straniero, vestiti di nero, che si sono spacciati per dipendenti della società del gas con la necessità di verificare gli impianti.

Una volta fatti entrare nell'abitazione, i due malviventi sono riusciti a convincere la signora a mettere al riparo tutti i suoi ori, adducendo con una scusa la possibilità che in caso di perdite di gas, questi ultimi potessero ossidarsi e quindi rovinarsi. Come suggerito da uno dei ladri, ha quindi aperto la cassaforte e nascosto i suoi averi sul letto, sotto un cuscino.

È successivamente bastato distrarre la donna con la scusa del controllo del contatore del gas in cucina, per permettere ai due ladri di impossessarsi indisturbati del bottino (7500 euro in contanti e tutti gli ori e gioielli).

Una volta accortasi del raggiro ha subito avvisato il figlio dell’accaduto e chiamato il 112 che ha inviato sul posto una pattuglia per le indagini di rito.

Ancora scossa e spaventata, l’anziana signora ha poi raccontato che i due finti addetti non indossavano la divisa e che alla sua richiesta di esibire un tesserino, le avrebbero detto di averlo lasciato in auto e che sarebbero andati a prenderlo poco dopo.

Purtroppo non è nemmeno la prima volta che la signora viene truffata. Anni fa era stata convinta a salire in macchina da alcuni malviventi che le avevano offerto un passaggio per fare alcune commissioni, convincendola però durante il tragitto a ritirare dal bancomat una somma di denaro poi sottrattole.

Ricordiamo come oggigiorno molti contatori sia per elettricità che per il gas, sono elettronici e la lettura viene effettuata da remoto in centrale, rendendo praticamente inutile la lettura da parte di addetti, rafforzando ancora di più la raccomandazione di non fidarsi di chi si spaccia per tali, con l'intento di accedere all'abitazione.

Come sempre, le forze dell'ordine si raccomandano di non aprire mai a sconosciuti che si spacciano per dipendenti di qualche società, con l'intento di effettuare la lettura del contatore o altri tipi di interventi, se sprovvisti di tesserino di identificazione. In caso di dubbio è sempre consigliabile, prima di aprire a sconosciuti, contattare la compagnia della quale si spacciano di essere dipendenti, e chiedere se è effettivamente presente del personale addetto nella zona. In caso di insistenza da parte dei presunti addetti, contattare immediatamente le forze dell’ordine.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci