Condividi l'articolo

Arriva una precisazione di Marco Ballabio, avvocato dei coniugi Tiziana e Fulvio Bianco sul caso di Villanova d’Albenga: «Tra la famiglia dei miei assistiti ed il fratello non c’era alcun contrasto di natura ereditaria: la sorella ha sempre accudito Alberto ricevendo in cambio un progetto criminale che se fosse andato in porto avrebbe sterminato l’intero nucleo familiare. Solo grazie all’intuizione del maresciallo Davide Chaia e alla prontezza del vice brigadiere Pampalone si è evitata una carneficina».

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici