Condividi l'articolo

Nizza. Era sbarcato a Lampedusa per poi essere trasferito a Bari Aouissaoui Bahrain, il giovane tunisino che oggi a Nizza ha ucciso a coltellate tre persone a Nizza.

Gli inquirenti stanno ripercorrendo le tappe del viaggio che lo hanno portato in Costa Azzurra. Soprattutto vogliono vederci chiaro sui motivi per in quali non è stato trattenuto nel centro di identificazione in attesa del rimpatrio. Il giovane sarebbe arrivato in Italia il 20 settembre e il successivo 9 ottobre sarebbe stato trasferito ia Bari, dopo la quarantena obbligatoria per tutti coloro che sbarcano.

In tasca gli hanno trovato un foglio rilasciato dalla Croce Rossa Italiana ed è stato proprio il documento a consentire agli inquirenti francesi di identificarlo.

Le vittime dell’attentato di Nizza sono due donne e un uomo. Le due persone morte all’interno della cattedrale sono state “sgozzate” o “decapitate”, secondo le diverse fonti. Una terza vittima, una donna, si è rifugiata in un bar vicino alla chiesa, dove è morta poco dopo per le conseguenze delle ferite,

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici