Laigueglia ricorda il super poliziotto Boris Giuliano

Una giornata con gli studenti delle scuole del borgo marinaro

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Laigueglia. Una giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Laigueglia ricorda oggi alla scuola «G.B. Libero Badarò» alle 10,30 il sacrificio del vicequestore aggiunto Boris Giuliano, storico capo della squadra mobile della questura di Palermo. Sarà un momento toccante perché a parlare di una delle figure più importanti nella lotta mafia, assassinato il 21 luglio 1979, Ci saranno il fratello Sandro e il nipote Fabio Giuliano, quest’ultimo è stato comandante della polizia stradale di Imperia Ovest. Ed è figlio del dottor Giuseppe Giuliano, sindaco di Laigueglia tra gli anni sessanta e Ottanta arrivato nel borgo marinaro nella qualità di ufficiale medico dell’Aeronautica militare in forza alla base radar di Capo Mele. La giornata di studio sarà incentrata sulla figura del numero uno della squadra mobile. Diresse le indagini con metodi innovativi e determinazione facendo parte di una cerchia di funzionari dello Stato che incominciarono una dura lotta contro Cosa Nostra. Durante gli anni Settanta molti processi erano falliti per mancanza di prove. Boris Giuliano venne ucciso su ordine del boss Leonluca Bagarella. E proprio oggi Laigueglia comincia un percorso che porterà i ragazzi delle locali scuole elementari e medie (primaria e secondaria inferiore) all’incontro con la famiglia dell’«Eroe Italiano» per sottolineare il suo impegno investigativo destinato a sconfiggere la pericolosa organizzazione criminale. Un investigatore all’avanguardia (si era formato anche all’FBI americana). L’incontro con i ragazzi è organizzato dalla preside Maria Teresa Nasi e dalle insegnanti del plesso Libero Badarò, nonché dall’Associazione Libera con Luca Losio, referente del presidio ponente savonese «Nino ed Ida Agostino», Stefano Busi, referente di Libera Liguria in rappresentanza dell’Osservatorio sulle mafie in Liguria «Boris Giuliano». Interverrà con una sua testimonianza anche il vicesindaco Giancarlo Garassino amico di famiglia dei due fratelli Giuseppe, e Boris e presidente dell’Azienda Autonoma di Soggiorno di Laigueglia durante i mandati del sindaco Giuliano. Il 21 marzo poi, alle 10,30, è prevista la piantumazione di due ulivi presso l’anfiteatro della Scuola Primaria e Secondaria di 1° Grado in ricordo di Boris e Giuseppe Giuliano, quest’ultimo indimenticato sindaco di Laigueglia

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci