La vetreria Verallia dona la prima barella per il bio contenimento all’ospedale San Paolo di Savona

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Savona. La vetreria Verallia dona la prima barella per il bio contenimento all’ospedale San Paolo di Savona. L’azienda con sede e stabilimenti in Val Bormida, tra Dego e Carcare, ha consegnato al reparto di Rianimazione dell’ospedale savonese il nuovo supporto, con cui infermieri e medici potranno trasportare in tutta sicurezza i pazienti affetti da Covid-19. «Dopo le drammatiche settimane del lockdown - spiega Luca Bollettino, direttore di Verallia Italia -, non potevamo sottrarci a questo dovere civico e morale. Siamo molto radicati sul territorio, e così abbiamo cercato di essere a fianco della comunità savonese, dove molti dei nostri collaboratori vivono». La barella «camera» Isoark N36-7 rappresenta la soluzione più innovativa per il trasferimento in alto bio contenimento di persone infette o sospette tali: dotata di tecnologie avanzate, la camera è in grado di mantenere al suo interno una pressione negativa, garantita anche in caso di rottura, tale da scongiurare ogni possibile contaminazione esterna, e consente un’autonomia di lavoro fino a dieci ore. «È una donazione importantissima - conferma Brunello Brunetto, direttore del dipartimento di emergenza di Asl 2 -, un dispositivo molto innovativo che, senza il supporto di Verallia, non avremmo potuto avere in dotazione. Da oggi tutti i malati infettivi instabili verranno trasportati in sicurezza dall'equipe del reparto di terapia intensiva del nostro nosocomio»

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci