In Valbormida un premio letterario nazionale dedicato al dottor Giorgio Gaiero

Borghetto Revisioni

Cairo Montenotte. Un premio letterario nazionale dedicato al dottor Giorgio Gaiero, l’indimenticato pediatra scomparso a 78 anni nel marzo del 2012. Una figura che tutti ricordano con rispetto ed affetto, simbolo di esperienza, capacità ed umanità, tanto che da tempo, a Cairo, si sta pensando di dedicargli una piazza. Si era parlato di piazza della Vittoria, così come a Carcare, al Vispa, di dove era originario. Il premio «Giorgio Gaiero – C’era una volta un pediatra», è organizzato dalla Franco Tessore Associazione Culturale Fab Tune Lo Stile In Musica, con il patrocinio del Comune di Cairo. La direttrice del premio è la scrittrice Giuliana Balzano. Si potrà partecipare con una favola inedita, una fiaba, una poesia od una filastrocca, inedite, e a tema libero. Per informazioni c’è già una pagina Facebook dedicata. La scadenza per inviare le opere per mail all’indirizzo premiogiorgiogaiero@gmail.com è fissata nel 15 giugno; la premiazione avverrà il 29 novembre al Teatro Chebello. Nato a Carcare, dove si è diplomato al Liceo Calasanzio, il dottor Gaiero si è laureato in medicina nel 1958, ottenendo la specializzazione in pediatria al Gaslini. Inizia a lavorare a Cairo nel 1963 come pediatra convenzionato con la mutua, affiancando l’attività come medico ospedaliero al San Paolo dal 65 all’85. Uomo semplice, disponibile, schivo, nel 2004 aveva perso la battaglia contro le normative Asl che impongono il pensionamento come medico convenzionato raggiunti i 70 anni di età. Aveva quindi continuato ad esercitare come libero professionista, spesso rinunciando a qualsiasi parcella. Una generosità, una disponibilità ed una capacità che ne fanno ancora oggi, a sei anni dalla scomparsa, un metro di paragone.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci