Imperia: sempre più stringenti i controlli della Polizia di Stato sul versante della sicurezza urbana.

Senza fissa dimora e senza riferimenti sociali nella provincia imperiese, ad un torinese è stato destinatario di foglio di via obbligatorio.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Imperia. Sempre più stringenti i controlli della Polizia di Stato sul versante della sicurezza urbana. Oggi ad un torinese di 34 anni è stato notificato un provvedimento firmato dal Questore di Imperia Cesare Capocasa che gli impedisce di risiedere o far ritorno nella territorio imperiese per ben 3 anni. L’attività è stata posta in essere a seguito dei controlli che l’Ufficio Generale Prevenzione e Soccorso pubblico effettua giornalmente in tutta la città. Gli operatori, in particolare, durante il loro servizio, hanno notato che il soggetto in questione stava importunando due anziane signore che passeggiavano per Oneglia, nell’intento di vendere loro delle cianfrusaglie. Non contento del mancato interesse delle acquirenti prescelte, il 34enne continuava con insistenza a voler vendere la sua mercanzia. Insospettiti dall’atteggiamento del soggetto, gli operatori intervenivano “in soccorso” delle due malcapitate. Ed effettivamente, dagli accertamenti svolti, il torinese aveva a suo carico precedenti penali per molestie, ingiuria e ubriachezza. Il comportamento insistente del soggetto – al limite dell’aggressione verbale – unitamente ai suoi precedenti e alle sue condizioni di vita attuali che lo vedevano senza fissa dimora e senza riferimenti sociali nella provincia imperiese, hanno costituito gli elementi utili affinché il soggetto fosse destinatario del foglio di via obbligatorio, provvedimento amministrativo, a firma del Questore, che impedisce al soggetto di far ritorno nella città di Imperia per ben 3 anni.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci