Il siluro di Scajola a Toti: "Non spetta a lui scegliere i candidati"

"Ognuno ha i suoi pareri. Io rispetto quelli di tutti, ma alla fine decido io"

  • Redazione
  • 1 min e 16 sec (191 parole)
  • Politica
La TUA pubblicità qui. Contattaci

Imperia. «Ma Toti lo dice a quale titolo? E perchè? Ha una responsabilità nella scelta delle candidature? Non mi pare». Così l'ex ministro Claudio Scajola, risponde al governatore della Liguria, Giovanni Toti, nel momento in cui afferma che a Imperia deve esserci un unico candidato del centrodestra. «Toti sostiene che sia avventata la mia candidatura? Ognuno ha i suoi pareri. Io rispetto quelli di tutti, ma alla fine decido io», ha detto Scajola, sottolineando che «Berlusconi è contento di quanto sto facendo». Ed ha aggiunto: «Un conto è Forza Italia, un conto sono le liste arancioni - ha detto riferendosi all'iniziativa del governatore Toti - Ma se vogliono venire sono i benvenuti. Mi candido come Claudio e offro la mia esperienza, le mie capacità, i miei difetti e pregi, alla città di Imperia. Chi vuole partecipare a questa avventura non è escluso».

L'ex ministro ha parlato anche della presenza del nipote in sala. «Mi ha fatto piacere che Marco fosse qua, ha applaudito il mio intervento, poi ognuno può avere i suoi imbarazzi».

Intervento segnato anche da commozione: «Questo è un difetto che mi si manifesta con il passare degli anni».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci