Il delitto di Paolo Paredes in Messico, duro richiamo del legale all'ambasciatore italiano

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Borghetto Santo Spirito. Un duro richiamo dell’avvocato Claudio Falleti è stato indirizzato a Luigi Maccotta, ambasciatore d'Italia a Città del Messico. Il legale di Alessandria che segue il caso dell’omicidio di Paolo Prato Paredes, il ventisettenne italo-messicano di Borghetto Santo Spirito ucciso a Puebla, ha chiesto il «sostegno economico necessario per la madre del ragazzo perché possa affrontare le spese del funerale e della sepoltura». «L’Ambasciata è una rappresentanza diplomatica permanente che rappresenta lo Stato italiano presso lo Stato messicano non solo con finalità di promozione turistica – scrive l’avvocato Falleti – ma anche con il fine di tutelare i cittadini di fronte ai torti e alle ingiustizie subite nel Paese ospitante».

Il legale, nella sua lettera, ha chiesto «la protezione il sostegno consolare ed economico in favore della signora Martha Paredes Rossano, madre di Paolo Prato Paredes, cittadino Italiano, anche per chiarire le ragioni della tragica morte, ottenere giustizia e verità ed evitare che tali atti possano ripetersi a danno di altri cittadini italiani».

Nella lettera sottolinea anche che «il figlio (ucciso in uno stato estero) è cittadino italiano. La mamma avrebbe voluto far cremare la salma del figlio e trasferire le ceneri in Italia. Per ragioni investigative –conclude l’avvocato - questo non è stato possibile. La salma deve rimanere a disposizione dell'autorità giudiziaria nel caso si decida di approfondire il caso».

Per questa ragione il legale ha già preso contatti con un collega dell’Oma, l’Organizzazione Mondiale degli Avvocati, di cui lo stesso Falleti è delegato, per acquisire la documentazione in possesso della «Procudaria General de Justicia».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci