Il Covid stoppa Ottobre De Andrè e il premio Fionda di Legno

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Albenga. Il premio «Fionda di legno» e «Ottobre De André 2020», due tra i più importanti e attesi eventi ad Albenga, sono stati annullati, «vittime» anch’essi del Coronavirus. Lo annunciano, con rammarico, i Fieui di caruggi (Ragazzi dei vicoli) di Albenga, che ne sono da sempre ideatori e organizzatori. Per farlo hanno scelto un comunicato-video dalla loro cantina-museo, cuore pulsante del gruppo. Le parole del loro portavoce Gino Rapa non lasciano adito a dubbi: «Abbiamo atteso con speranza un miglioramento della situazione, abbiamo cercato soluzioni alternative, ma alla fine abbiamo dovuto arrenderci. I nostri sono eventi popolari, affollatissimi. Hanno bisogno della gente e del loro entusiasmo. Realizzarli in un teatro semivuoto li avrebbe snaturati».

Parole confermate da Antonio Ricci, che delle due manifestazioni è anima e presenza abituale e importante: «La scelta dei Fieui è giusta. Ne abbiamo parlato a lungo, ma non c’erano alternative. Queste manifestazioni hanno bisogno del “bagno di folla”, del calore umano che i grandi ospiti che arrivano ad Albenga dicono di avvertire e che li tiene poi legati alla città e agli organizzatori». Anche Antonio Albanese, «fiondatore dell’anno 2020», è costretto ad adeguarsi: «Dovevo ricevere l’ambita Fionda in primavera, poi in autunno ed ora chissà. Ma io non rinuncio. Ho dato ai simpaticissimi Fieui la mia totale disponibilità, perciò Albenga aspettami che arriverò immantinentemente». Dispiaciuta anche Dori Ghezzi: «Ormai l’appuntamento autunnale ad Albenga era una data fissa e piacevole, un incontro con tanti amici e con un pubblico davvero unico. E purtroppo mancherà anche il sostegno alla Comunità di don Gallo».

Infatti le manifestazioni dei Fieui di caruggi hanno sempre un risvolto benefico, che rischia in questa occasione di venire meno. Per questo motivo i Fieui invitano tutti coloro che avevano fatto un’offerta per assistere al Premio Fionda 2020 a lasciarla a disposizione per essere totalmente devoluta alla Comunità di San Benedetto al Porto di Genova, creata da don Andrea Gallo. Chi invece intendesse richiedere il rimborso potrà farlo domenica 4 ottobre dalle ore 10 alle ore 12 presso la Cantina dei Fieui in vico del Collegio ad Albenga. Se qualcuno infine volesse dare un contributo per aiutare la Comunità di don Gallo, che si trova in difficoltà a causa del Covid, potrà farlo o direttamente con i Fieui oppure con un versamento sul conto corrente intestato Fieui di caruggi presso la Banca d’Alba via Mazzini Albenga (IBAN IT69 E085 3049 2500 0037 0103 531) indicando nella causale: Don Gallo.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci