GUIDI CONFESSA: 200 Kg di marijuana per 20 mila euro di ricompensa

Continuano le indagini sul "Volo di droga" e sul rovinoso atterraggio in Albania di Guido andrea Gudi

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Servizio realizzato con la concessione di utilizzo delle immagini di Report Tv

200 Kg di marijuana per 20 mila euro di ricompensa, è questo la confessione di Guidi, fermato dopo il rovinoso atterraggio a nord di Durazzo, vicino ad una zona dominio dei narcos trafficanti.

GUIDI CONFESSA: 200 Kg di marijuana per 20 mila euro di ricompensa: video #1 To see this video you need Javascript to be enabled. Click the image to open the video's page.

Contattato da un'organizzazione criminale, formata da italiani e albanesi, Guidi, che aveva da poco scontato la pena per un incidente, occorso alla sua azienda di noleggio di aerei, nel quale avevano perso la vita i due piloti, con una scia di debiti e le attività da portare avanti, si sarebbe fatto coinvolgere nel trasporto della droga, forse attratto da un compenso fuori mercato.

Resta però ancora da accertare se il pilota milanese, socio dell' Aeroclub di Villanova d'Albenga, proprietario del piper andato distrutto,fosse al suo primo “Volo di droga”, dal momento che alcuni giorni fa lo stesso Guidi si trovava a Bari

GUIDI CONFESSA: 200 Kg di marijuana per 20 mila euro di ricompensa: video #3 To see this video you need Javascript to be enabled. Click the image to open the video's page.

Mauro Zunino Presidente dell'Aeroclub contattato e intervistato anche dalle Tv albanesi dichiara che: “Guidi è nostro socio da un paio di anni, ha a curriculum molte ore di volo ed è un pilota esperto. Nel piano di volo comunicatoci ci aveva dato come destinazione finale la Puglia, da lì sarebbe dovuto rientrare con una sosta intermedia verso Bologna. Non abbiamo assolutamente autorizzato e ne' sapevano del cambio di direzione verso l'Albania”.

Non un semplice volo di piacere, dirottato per un'escursione all'estero, ma piuttosto un piano studiato per confondere e far perdere le tracce di un velivolo confuso fra i tanti turistici del momento.

E', infatti, Guidi, attualmente indagato, a dare indicazioni e a fare i nomi di alcuni dei malavitosi che lo avrebbero reclutato, già sotto osservazione da parte della Guardia di Finanza, una condizione che pone Guidi a rischio ritorsioni e quindi in fase di protezione e ulteriori approfondimenti.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci