Guerra per il mercato di Albenga, gli ambulanti si appellano al Tar

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Albenga. Prende la strada del Tar lo spostamento del mercato di Albenga che, secondo i piani dell’Amministrazione comunale, dovrebbe lasciare via Dalmazia per andare sul Lungo Centa Croce Bianca. Rispetto ai tempi dettati dal vice sindaco Riccardo Tomatis le bancarelle verranno trasferite entro il mese di gennaio e non più durante le feste natalizie. Ma ora ad ostacolare il trasloco è una richiesta di sospensiva che la Fiva Confcommercio ha preparato e che verrà depositata venerdì ai giudici del Tribunale amministrativo regionale. «Abbiamo tentato di percorrere una strada più morbida – dice Amedeo Mosca, presidente provinciale di Fiva – Purtroppo gli incontri, l’ultimo in particolare, si è concluso con una fumata nera. Nessun accordo con l’Amministrazione che vuole proseguire nel suo progetto e quindi spostare il mercato. A quel punto non è rimasto altro da fare che raccogliere firme e soldi e presentare tutta la documentazione necessaria per appellarci al Tar». Nella richiesta di sospensiva, elaborata dall’avvocato Dogliotti che cura gli interessi legali di Fiva, vengono illustrati punto punto i motivi per i quali gli ambulanti si sono schierati contro le decisioni del Comune. «In primo luogo perché lo spostamento è anti economico, ma soprattutto perché almeno una quarantina di colleghi troverebbero spazio al di là del sottopassaggio ferroviario del lungo Centa e quindi in una zona decisamente lontana. Inoltre proprio quel punto, in prossimità della foce del fiume, risulta essere al di sotto del livello del mare. Non idoneo e pertanto insicuro».

Alla richiesta di sospensiva hanno aderito anche gli ambulanti aderenti all’altra associazione di categoria, ovvero l’Anva Confesercenti. «Era impensabile presentare due ricorsi – sottolinea il presidente regionale del sindaco Anva Giulio Rossi – comunque anche la nostra associazione di categoria contesta le scelte dell’Amministrazione comunale. E per questo motivo abbiamo deciso di sostenere Fiva in questa azione per sospendere ogni operazione di trasloco delle bancarelle che devono rimanere in via Dalmazia».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci