Grillo a Loano: "Sul crollo del ponte Morandi ora sono tutti ingegneri del calcestruzzo"

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Loano. "Ora sono tutti ingegneri del calcestruzzo. Ci vorrebbe questo, ci vorrebbe quest’altro. Senti di tutto. Prima erano commissari tecnici ora architetti. Parlano tutti di tiranti. La verità è che ora si parla anche di ponti, strade e gronde". Ironia pungente quella di Beppe Grillo che a Loano ha portato sul palco lo spettacolo "Insomnia" davanti a 700 persone in un sabato di inizio settembre.
"A Loano non succede un cazzo, fosse Imperia con Scajola potrei fare un monologo della Madonna", ha detto all'inizio.

Grillo si rotola a letto e passa in rassegna la sua vita e la sua carriera.
Durante lo spettacolo apre una parentesi politica chiedendosi: "Che fine ha fatto Berlusconi? Deve essere stato inglobato in una vagina gigantesca". E la Chiesa: "Bagnasco gira con la scorta. E’ un vescovo. Dovrebbe votarsi al martirio. Io avrei diritto alla scorta". E sulla pedofilia? "Apriamo le chiese e diamogli un po’ di “mussa”. E parlando di profughi ha sottolineato che "non ci vorrebbero intermediari. Qui facciamo solo del gran casino. Dovremmo aprire dei canali comunitari diretti senza intermediari".

Il letto sistemato sul palco si è anche ribaltato (volutamente). "L’avrà fatto il falegname della chiesa di San Giuseppe di Roma" e il pubblico accompagna la battuta con una risata

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci