Giro di vite ad Albenga contro spacciatori e clandestini, arresti e denunce

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Albenga. Nell’ambito di un servizio di controllo del territorio “ad alto impatto” disposto nel contesto di una pianificazione finalizzata nello specifico a contrastare lo spaccio ed il consumo di sostanze stupefacenti, 10 pattuglie dei carabinieri, hanno costituito un massiccio dispositivo di controllo di Albenga. I militari hanno fermato un marocchino di 24 anni trovato in possesso di alcuni grammi hashish. Altri 20 grammi sono stati trovati nella sua abitazione. Per lui sono scattate le manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga. Dopo la notte passata in camera di sicurezza dovrà rispondere delle accuse stamattina in tribunale. Denunciati un libico di 49 anni ed un marocchino di 33 anni, trovati in possesso di cocaina ed hashish, per circa 12 grammi. Segnalati alla Procura un 33enne marocchino, poiché sebbene in regime di detenzione domiciliare è stato trovato in compagnia di due connazionali pregiudicati in violazione pertanto alle prescrizioni connesse a regime custodiale che gli era stata imposta dall’autorità giudiziaria, una 49enne di Pietra Ligure, pregiudicata e tossicodipendente, perché inosservante del divieto di dimora in Albenga emesso dal Questore di Savona nei suoi confronti; un 28enne e un 29enne entrambi marocchini, pregiudicati per aver violato anche loro il divieto di dimora in Albenga cui sono stati sottoposto per disposizioni dell’Autorità di Pubblica Sicurezza; un 33enne albenganese, pregiudicato e sorvegliato speciale, per aver violato la misura di prevenzione omettendo di pernottare presso il proprio domicilio; due marocchini di 34, 32 anni, un savonese di 19 ed una ragazza albanese di 34 per essere stati rintracciati mentre bivaccavano abusivamente all’interno del palazzo di via Rita Levi Montalcini, attualmente in regime di curatela fallimentare e tre marocchini di 36, 30 e 25 anni, rintracciati all’interno di una abitazione in stato di abbandono in via Torlaro che avevano occupato abusivamente.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci