Genova: arrestato per corruzione il direttore dell’Agenzia delle Entrate

Le manette scattate in flagranza mentre riceveva la tangente.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Blitz della Guardia di Finanza all’alba negli uffici dell’Agenzia delle Entrate di Genova: arrestato il direttore provinciale Walter Pardini per corruzione, fermo avvenuto in flagranza proprio mentre intascava una “mazzetta” di 7.500 euro, per favorire una transazione, da 3 commercialisti della Campania, anch’essi tratti in arresto, mentre un ulteriore 57enne professionista genovese è stato segnalato a piede libero in concorso.

L’inchiesta della Procura della Repubblica, scaturita da alcune intercettazioni, è coordinata dal procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati.

Le indagini hanno messo nel mirino un sospetto giro di tangenti.

L’Agenzia delle Entrate annuncia di avere “immediatamente adottato la sospensione cautelare dal servizio in attesa del provvedimento dell’autorità giudiziaria, a seguito del quale verranno assunte tutte le misure disciplinari, contrattuali e risarcitorie per tutelare l’istituzione e la dignità dei propri dipendenti che operano onestamente e scrupolosamente” e aggiunge, “condanna con risolutezza i comportamenti disonesti, dinanzi ai quali adotta con fermezza e celerità sanzioni disciplinari espulsive, e da anni orienta i propri sistemi di controllo interno nell’individuazione e prevenzione di ogni possibile abuso con particolare riferimento ai potenziali comportamenti fraudolenti”.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci