GDF GENOVA: ESERCITA ABUSIVAMENTE LA PROFESSIONE DI FARMACISTA

DENUNCIATI IMPIEGATA E TITOLARE CHE RISCHIA L'INTERDIZIONE DELLA PROFESSIONE PER UN ANNO.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

All’interno di una farmacia del Tigullio, la Guardia di Finanza di Genova ha accertato che una dipendente, sprovvista dei titoli necessari, dispensava farmaci e forniva consigli di carattere sanitario ai clienti dell’esercizio. La dipendente, priva del titolo di laurea necessario a svolgere l’attività, serviva i clienti indossando il camice bianco ma priva del distintivo dell’ordine dei farmacisti attestante l’iscrizione all’albo. L’obbligo di indossare il distintivo e il camice durante l’attività professionale al pubblico è sancito dal Codice Deontologico del farmacista, il quale, inoltre, specifica che deve essere il titolare o il direttore della farmacia, pubblica o privata, a curare che gli stessi siano prerogativa esclusiva del farmacista. I militari hanno pertanto proceduto, a seguito di attività di osservazione ed appostamento, volte a riscontrare l’effettivo abusivo esercizio dell’attività da parte dell’impiegata priva di titoli, a denunciare ai sensi dell’art. 348 del codice penale (abusivo esercizio di una professione), la dipendente ed il titolare della farmacia, in quanto lo stesso ha consentito e agevolato, attraverso la propria attività, l’esercizio abusivo della professione. In conseguenza della violazione riscontrata, il titolare della farmacia, che è stato segnalato al competente ordine professionale, rischia altresì l’interdizione della professione per un periodo non inferiore ad un anno.

C.S.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci