Fu contaminato dall'uranio impoverito, muore al San Paolo ex carabiniere

Nel 2008 il militare aveva scoperto di avere un melanoma.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Savona. Dopo una lunga malattia è morto la notte scorsa all'ospedale San Paolo di Savona Gaetano Luppino, l’ex sottufficiale dei Carabinieri. Era da tempo malato dopo essere rimasto contaminato dall’uranio impoverito nel 2004, nel corso di una missione in Bosnia e Kosovo.

Nel 2008 il militare aveva scoperto di avere un melanoma. Per sconfiggere il male si era sottoposto a diversi interventi chirurgici e un ciclo di chemioterapie. Il ministero della Difesa doveva corrispondergli i “benefici assistenziali”, ovvero un indennizzo di più di 150 mila euro, che viene riconosciuto a militari e civili che si sono ammalati dopo essersi esposti a “particelle pesanti.

Il militare, quando aveva preso parte alla missione, era in forza a Savona, nella caserma dei carabinieri di Corso Ricci.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci