Forza Italia chiede all’Europa più spazi per i nuovi vitigni in Liguria

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Con un ordine del giorno depositato stamane, i consiglieri regionali di Angelo Vaccarezza e Claudio Muzio hanno chiesto alla Giunta regionale di attivarsi presso le istituzioni europee affinché venga modificato il Regolamento che disciplina l’impianto di nuovi vigneti. Vaccarezza e Muzio auspicano l’introduzione di un sistema più flessibile, che consenta agli Stati membri di venire incontro alle esigenze specifiche delle singole Regioni, tenendo maggiormente conto delle peculiarità territoriali di ciascuna.
“L’attuale Regolamento europeo – spiegano i due consiglieri regionali - prevede che gli Stati membri mettano a disposizione ogni anno, per i nuovi impianti viticoli, autorizzazioni equivalenti all’1% della superficie vitata totale nel loro territorio, determinata al 31 luglio dell’anno precedente. Per ciò che concerne le ricadute sulla nostra Regione – proseguono – è evidente che tale sistema sia inadeguato ai fini di un potenziale sviluppo del terreno impiantato a vite, in quanto palesemente insufficiente per soddisfare la domanda degli imprenditori agricoli e per garantire il ritorno economico di un eventuale investimento. Per questo – concludono – abbiamo deciso di assumere questa iniziativa, a tutela e sostegno di un settore, quello vitivinicolo ed enologico, che sta conoscendo in Liguria un interessante momento di sviluppo, con produzioni d’eccellenza che rappresentano un fiore all’occhiello per la nostra terra”.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci