Fiom Cgil: "Dopo il crollo del ponte, Genova rischia di perdere anche lavoro, salario, reddito"

Profumeria Simonini

Genova. "Genova ha perso 43 vite, gli sfollati hanno perso le case e dopo tutte queste tragedie Genova rischia di perdere anche lavoro, salario, reddito". E' lo sfogo di Bruno Manganaro, segretario generale della Fiom Cgil Genova, secondo cui molte aziende "iniziano a ragionare di trasferire le attività magari fuori Genova". In difficoltà, sostiene, "Ansaldo Energia, S. Giorgio Seigen, Ferrometal, Acremoni, Weico, Arced". "Per alcune c'è la cassa integrazione, per altre non c'è nemmeno l'ammortizzatore sociale e ci saranno i licenziamenti". "Il ministro Toninelli ha dichiarato che nel decreto ci saranno 200 assunzioni per il suo Ministero mentre a Genova si rischiano i licenziamenti: a Roma si brinda, a Genova si piange - aggiunge - E' inaccettabile che per interessi di bottega e di potere di governo la vita dei genovesi, il lavoro e il loro reddito vengano messi in discussione. Stiamo per perdere la pazienza e se necessario lo diremo in piazza: nessuna perdita di posti di lavoro, nessuna perdita di reddito".

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Borghetto Revisioni