Finanziamenti europei per la ciclabile e il raddoppio ferroviario di Andora

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Andora. Finanziamenti europei per uscire dall’isolamento, ma anche per dare vita finalmente alla pista ciclabile e all’ultimo tratto, non ancora raddoppiato della linea ferroviaria Andora-Finale Ligure.

Temi caldi che saranno all’ordine del giorno dell’incontro in programma mercoledì alle 11,30 a Palazzo Tagliaferro di Andora con la partecipazione del commissario europea per le Politiche Regionali onorevole Corina Cretu dal titolo “Finanziamenti Europei. Costruire insieme i futuri interventi sul territorio". Figura autorevole perché già vice presidente del Parlamento Europeo e dal 2014 fa parte della Commissione Juncker, in cui le è stato affidato il portafoglio per la politica regionale. Un evento organizzato dal Comune di Andora e dall’Associazione Europei per l’Italia, guidata dall’andorese Marian Mocanu. Un’occasione per conoscere le opportunità di finanziamenti europei e cosa si potrà fare con i fondi della politica di coesione dell'Unione Europea che saranno programmati per i prossimi anni. Marian Mocanu e il sindaco Mauro Demichelis presenteranno al Commissario Europeo le importanti progettualità del territorio: il collegamento al depuratore di Imperia, gli aiuti necessari all’agricoltura e le opere a terra del porto di Andora. E si parlerà appunto del raddoppio ferroviario Andora-Finale Ligure e della pista ciclabile, relazionando anche sulle tematiche segnalate dai comuni della provincia di Savona e Imperia, interessati agli interventi. «Sarà un momento di riflessione e conoscenza reciproca importante, in un periodo in cui si gettano le basi per la futura programmazione economica europea: ci darà la possibilità di far conoscere a Bruxelles i futuri investimenti territoriali e urbani in cui Andora e il Ponente Ligure saranno impegnati – sottolinea il sindaco Mauro Demichelis – Si tratta di una grande occasione per comunicare le esigenze della nostra economia turistica, agricola e artigiana e le grandi sfide che questa parte di Liguria dovrà affrontare in futuro per rinnovare infrastrutture e favorire un moderno rilancio economico».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci