Finale Ligure, "Laboratorio Ricci - Sinergie per la memoria": presentazione del libro "La Fabbrica del volo

Profumeria Simonini

Finale Ligure - Nell'ambito del progetto “Laboratorio Ricci - Sinergie per la memoria”, sabato 2 marzo 2019 presso la Fortezza Castelfranco, Finalmarina alle ore 16.00 ha luogo la presentazione del libro curato dai proff. Fabio Caffarena e Carlo Stiaccini, "La Fabbrica del volo. Industria, aviatori e memoria della Grande Guerra in Liguria" (Fusta, 2018).

Nel Primo conflitto mondiale, repentini processi di militarizzazione territoriale portarono la Liguria ad assumere un ruolo strategico in campo aeronautico, grazie alla presenza di attività industriali (Ansaldo, Piaggio, Cives), presidi militari e basi aeree distribuite lungo tutta la costa e nell’entroterra. Gli investimenti nella produzione di moderni e affascinanti velivoli militari – tra cui il famoso Ansaldo SVA protagonista con Gabriele d’Annunzio del volo su Vienna nell’agosto del 1918 – furono destinati a segnare in modo profondo e duraturo lo sviluppo industriale post-bellico; mentre l’impatto evocativo della guerra aerea impresse a lungo nella memoria collettiva i nomi e le azioni di numerosi aviatori liguri presenti nei cieli di guerra, contribuendo ad alimentare la costruzione del mito aviatorio italiano. A un secolo di distanza, la cultura e la tradizione aeronautica nate nel corso di quel catastrofico e memorabile conflitto hanno lasciato sul territorio regionale un cospicuo, ma finora poco noto, patrimonio archivistico e museale che gli interventi raccolti nel volume hanno contribuito a riportare alla luce.

Fabio Caffarena è docente di Storia contemporanea e direttore dell’Archivio ligure della scrittura popolare presso l’Università degli Studi di Genova. Si occupa di pratiche di scrittura tra Otto e Novecento e di storia dell’aeronautica. Tra i suoi lavori: Dal fango a vento. Gli aviatori italiani dalle origini alla Grande Guerra (Einaudi, 2010); La guerra aerea, in N. Labanca (dir.), Dizionario storico della Prima guerra mondiale (Laterza, 2014) e In guerra sopra le nubi. Il pilota Giuseppe Canonica nel Primo conflitto mondiale (Edizioni Rivista Aeronautica, 2015, con C. Stiaccini. Premio speciale UNUCI-Corsena 2017)

Carlo Stiaccini svolge attività didattica e di ricerca presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Genova. Fa parte del gruppo di ricerca dell’Archivio ligure della scrittura popolare ed è autore di saggi e monografie sul Primo conflitto mondiale e sulle pratiche di scrittura tra Otto e Novecento. Con l’Ufficio storico dell’aeronautica militare ha pubblicato, tra gli altri, Chi vola vale. L’immagine della Regia Aeronautica nell’archivio del generale Cagna (2013, con F. Caffarena).

A seguire, alle ore 17.00 si svolge la presentazione del progetto espositivo "Piaggio. Sulle ali della memoria" coordinato da Diego Scarponi e Fabio Caffarena, in collaborazione con gli studenti del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione – Laboratorio Audiovisivi "Buster Keaton" dell'Università di Genova (Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, Università di Genova, Campus di Savona)

Qualche cenno sulla storia del progetto Piaggio - Sulle Ali della Memoria.

Una grande famiglia. In molte delle testimonianze raccolte, la definizione di Piaggio si fonde con il termine famiglia: ci si conosceva tutti, ci si frequentava dentro e fuori dallo stabilimento. La solidarietà era un fattore di coesione sociale che ha accomunato almeno tre generazioni di lavoratori Piaggio. Maestranze e impiegati legati al territorio finalese, ma soprattutto uniti da un profondo senso di appartenenza verso quello straordinario stabilimento a filo di costa, all'interno del quale hanno trovato una seconda identità. Le testimonianze degli ex lavoratori della Piaggio di Finale Ligure, inoltre, ci raccontano la particolarità della contemporanea produzione di velivoli e motori. Progettazione e produzione. Tecnici, impiegati e operai. Non un pezzo dei velivoli Piaggio era realizzato in serie: un tipo di produzione che neppure l’avvento delle macchine a controllo numerico, negli anni Ottanta, ha completamente trasformato. Quello che negli uffici di progettazione e sviluppo veniva immaginato, diventava concreto attraverso precise e raffinate lavorazioni svolte all’interno dell’hangar e dei capannoni, seguendo pratiche di lavoro i cui segreti venivano tramandati in officina da una generazione di lavoratori alla successiva. Competenze artigianali e industriali che, lungo tutto un secolo, si sono amalgamate indissolubilmente per ottenere un risultato unico e fragilissimo: far volare un aeroplano.

Inoltre, nell'ambito del progetto “Laboratorio Ricci Sinergie per la memoria”, Sabato 9 marzo 2019 a Palazzo Ricci – Finalborgo alle ore 17.00 si svolge la presentazione del libro di Roberto Bottini, "Emanuele Celesia: patriota, educatore e filantropo" (De Ferrari, 2019), stampato con i fondi ottenuti dal Copmune di Finale Ligure dalla Compagnia di San Paolo nell'ambito del progetto di valorizzazione di palazzo Ricci “Luoghi della Cultura 2018”.

Gli eventi sono ad ingresso libero.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi