È boom di gelati in Liguria, lo dice Coldiretti

La TUA pubblicità qui. Contattaci

In Liguria le belle giornate di sole e l’aumento delle temperature, continuano a spingere turisti, e non solo, a scegliere il buon classico gelato come fresco spuntino, facendone volare i consumi fuori stagione che, nel 2019 a livello nazionale, hanno superano i 6 chili a testa. Ad essere preferito è quello artigianale ed è sempre più apprezzata la produzione delle Agri-gelaterie, dove dalla stalla alla coppetta, è garantito l’utilizzo di ingredienti di qualità interamente Made in Liguria.

È quanto afferma Coldiretti Liguria nel sottolineare, anche nelle scelte dei consumatori, gli effetti di un 2019 bollente, che si classifica al quarto posto tra i più caldi dal 1800 ad oggi, e una conseguente sempre più marcata tendenza alla destagionalizzazione di prodotti come il gelato, nonostante l’estate resti la stagione privilegiata per acquistare coni e coppette.

Negli ultimi anni, anche nella nostra regione, si sta assistendo ad una crescita continua del valore del gelato, crescita favorita dalla considerazione quale prodotto salutare se, ovviamente, preparato con materie prime di qualità, possibilmente locali. Ed è inoltre proprio la Liguria ad aver avuto un ruolo fondamentale nella storia di questo prodotto e nella sua valorizzazione a livello mondiale: fu infatti il genovese Giovanni Bosio, che nel 1770 aprì la prima gelateria italiana artigianale a New York, ad esportarlo oltre oceano, rendendo famosa la Panera, antica prelibatezza semifredda ligure preparata per far consumare il caffelatte in estate ai bimbi, e aprendo la strada alla moda dell’ice cream americano.

«Dal nostro storico antenato ad oggi – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa la corsa del gelato ligure non si è più fermata, incontrando il favore del consumatore in ogni parte dell’anno. Ad essere preferito è di gran lunga il gelato artigianale nei gusti storici, anche se cresce la tendenza nelle diverse gelaterie ad offrire “specialità della casa”, come il gelato alla rosa o ai fiori eduli, che vanno incontro alle attese dei diversi target di consumatori, tradizionale, esterofilo, naturalista, dietetico o vegano. Va per questo sottolineata l’importanza della qualità del latte e della frutta nella preparazione del vero gelato: nelle nostre agrigelaterie è particolarmente curata la selezione degli ingredienti, dal latte alla frutta, che sono rigorosamente freschi con gusti a “chilometri zero” perché ottenuti da prodotti locali che non devono essere trasportati con mezzi che sprecano energia ed inquinano l’ambiente».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci