Identificato il disperso in mare era Gaspare Miceli, carabiniere fuori servizio,a Noli per qualche giorno di vacanza

Le cause del decesso del giovane, forse colto da un improvviso malore.

La TUA pubblicità qui. Contattaci

E' stato ritrovato stamane, a un miglio da Capo Noli, il corpo senza vita di Gaspare Miceli, l'appuntato dei carabinieri, in servizio in provincia di Asti, residente ad Acqui Terme, disperso dal tardo pomeriggio di ieri.

Appassionato di snorkeling e buon nuotatore, il 31enne si era tuffato alle 16 al largo di Capo Noli, assieme ad un amico, rientrato a riva per un problema alla maschera.

Ed è stato proprio l'amico, che dopo aver atteso sulla spiaggia, non vedendolo tornare ha dato l'allarme. Le ricerche sono subito scattate con l'intervento di motovedette della Guardia Costiera, elicottero dei Carabinieri e unità subacqua dei Vigili del Fuoco di Genova e l'elicottero "Drago" dei Vigoli del Fuoco. Lunghe ore di perlustrazioni dello specchio acqueo, per tutto il tratto costiero fino a notte inoltrata, avevano lasciato ancora accese le speranze di ritrovare il giovane vivo, fino a quando, riprese le ricerche, dall'elicottero dei VVF, intorno alle 9,15, è stato avvistato un cadavere in mare, successivamente identificato.

Restano ancora da stabilire le cause del decesso del giovane, forse colto da un improvviso malore.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci