Decapitò lo zio, la Corte d'Appello conferma i 30 anni di carcere

  • Redazione
  • meno di un minuto (66 parole)
  • Cronaca
  • genova
La TUA pubblicità qui. Contattaci

Genova. La corte d'Assise d'appello di Genova ha confermato la condanna a 30 anni per Claudio Borgarelli, l'infermiere che due anni fa uccise e decapitò lo zio Albano Crocco nel boschi di Lumarzo. I giudici hanno escluso la premeditazione e confermato la sussistenza dei futili motivi.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri del nucleo investigativo, Borgarelli uccise lo zio perché non voleva che passasse sul suo terreno.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci