Dalla Regione un nuovo bando da 800 mila euro

Pista Kart Indoor Albenga

Genova. La Giunta della Regione Liguria ha avviato le procedure per la presentazione delle domande di sostegno e di pagamento a valere sulla Sottomisura M03.02 “Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno” del Programma di Sviluppo Rurale 2014 – 2020. La Sottomisura M03.02 intende promuovere e sostenere le attività di informazione e di promozione a favore dei prodotti coperti da un regime di qualità o da un regime facoltativo di certificazione, previsti ed effettivamente sovvenzionati attraverso progetti di informazione rivolti al consumatore, comprese le giovani generazioni e le scuole, e progetti di promozione rivolti agli operatori commerciali e dell’informazione. Sono ammessi a beneficiare del sostegno i raggruppamenti di produttori agricoli della Liguria – in qualsiasi forma costituiti purché prevista dall’ordinamento giuridico italiano – che includono agricoltori in attività partecipanti a un sistema di qualità, sostenuto dalla sottomisura M03.01 del PSR, indipendentemente dalla presentazione di domande di adesione alla medesima sottomisura. Le risorse finanziarie messe a disposizione per questo bando ammontano complessivamente a 800.000 euro, così suddivisi tra ciascun regime ammesso: 1) prodotti riconosciuti IGP e DOP e prodotti riconosciuti nell’ambito di una DO o IG: 485.000 euro; 2) prodotti dell’agricoltura biologica: 105.000 euro; 3) regimi nazionali: 105.000 euro; 4) regimi di certificazione facoltativi: 105.000 euro. Le risorse verranno assegnate mediante specifica graduatoria per ciascuno di questi regimi. La spesa massima ammissibile per ciascun progetto è di 100.000 euro, innalzata per particolari progetti fino a 150.000 euro. Il sostegno consiste in una sovvenzione a fondo perduto pari al 70% del costo ammissibile. I progetti, che non potranno avere una durata massima superiore ai 12 mesi, dovranno essere predisposti secondo il modello e le specifiche previsti dal bando. Le attività e azioni in progetto possono prevedere: 1) partecipazione a manifestazioni, fiere, concorsi ed eventi simili a livello regionale, nazionale o comunitario; 2) realizzazione, acquisto e diffusione di materiale informativo – promozionale; 3) attuazione di azioni, eventi e campagne di informazione, pubblicitarie e di comunicazione che riguardano la ristorazione, la grande distribuzione organizzata, i canali di comunicazione e i punti vendita; 4) missioni di operatori commerciali, della ristorazione e dell’informazione in Italia e in Unione Europea e azioni di informazione rivolte al mondo scolastico per promuovere i regimi certificati e i relativi prodotti. Queste attività devono evidenziare le caratteristiche o i vantaggi specifici dei prodotti in questione e soprattutto la qualità, gli specifici metodi di produzione in termini di autenticità e rispetto per l’ambiente, e possono comprendere la diffusione di conoscenze anche scientifiche, tecniche e nutrizionali su questi prodotti. I messaggi di informazione e promozione devono incentrarsi su aspetti generali e oggettivi della qualità dei prodotti certificati, quali ad esempio il loro valore organolettico e nutrizionale, il legame con l’origine, la genuinità, il sapore, la naturalità e la stagionalità, gli standard di allevamento per il benessere degli animali. Le domande di sostegno devono essere presentate esclusivamente in modalità informatica tramite le apposite applicazioni disponibili dal SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale), a partire dal giorno successivo la pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria ed entro il termine perentorio del 30 agosto 2019. L’obiettivo prioritario di questo provvedimento è di promuovere la competitività dei produttori primari, favorendo la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli attraverso mirate campagne informative e azioni di promozione dei prodotti del mercato interno europeo, sottolineandone in particolare la loro qualità e autenticità e i metodi di produzione rispettosi dell’ambiente. Un consumatore informato è un consumatore consapevole che può scegliere i prodotti più genuini, garantendo così a se stesso una migliore qualità della vita e contribuendo inoltre ad un’economia più sostenibile.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi