Crollo del ponte di Genova, slitta il termine per le imprese per la presentazione dei danni subiti

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Slitta all'8 ottobre il termine per la presentazione della segnalazione dei danni subiti dalle attività economiche genovesi e liguri a seguito del crollo del Ponte Morandi dello scorso 14 agosto. Lo ha stabilito oggi la giunta regionale su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti. "Abbiamo accolto - ha spiegato l'assessore Benveduti - una precisa richiesta delle piccole e medie imprese, delle associazioni e delle categorie produttive genovesi, che abbiamo incontrato ieri in Camera di Commercio a Genova. Una settimana in più, rispetto alla precedente scadenza del primo ottobre, servirà alle imprese di raccogliere tutta la documentazione necessaria per la rendicontazione dei danni, direttie e indiretti, subiti a seguito del crollo del viadotto".
Attraverso la compilazione di un apposito modulo – modello AE attività economiche non agricole -, scaricabile dal sito di Regione Liguria, le aziende, le imprese artigiane e gli esercizi commerciali e professionisti potranno segnalare, entro 30 giorni, i danni, diretti e indiretti, subiti a beni immobili, fabbricati, impianti fissi, macchinari, attrezzature, veicoli, arredi, prodotti. Possono essere segnalate anche le spese sostenute per consulenze, ad esempio per perizie. Potranno essere segnalati i danni per l’interruzione dell’attività – mancato guadagno, oneri aggiuntivi per il personale, aggiuntivi aziendali, aggiuntivi di altro genere -, i danni indiretti subiti dalle imprese che non abbiano interrotto l’attività e il corredo fotografico dei danni subiti. Il modulo, una volta compilato, dovrà essere inviato attraverso la piattaforma webtelemaco di Infocamere.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci