Coronavirus, Genova vive il giorno feriale come se fosse una domenica mattina

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Genova. Poche persone in strada, poco rumore, esercizi commerciali semi vuoti. Nel primo giorno di Italia 'blindata' per difendersi dal coronavirus, Genova vive il giorno feriale come se fosse una domenica mattina. Lo dice la Polizia locale: "Traffico ce ne è veramente poco. Dalle telecamere si percepisce molto bene: i bus e qualche auto. Come alla domenica mattina".

L'invito del premier Giuseppe Conte "Io sto a casa", pare essere stato accolto. Complice anche lo smart working avviato in molte situazioni: ad esempio lo hanno scelto Rina e Regione. Il centro della città è come addormentato: nella centralissima via XX Settembre, puoi contare uno a uno le persone. Fatto inusuale per una strada che è sempre un formicaio. In via San Vincenzo, che dalla stazione Principe porta i pendolari nel centro della città, la situazione è simili. Anche l'atrio e i corridoi della stazione ferroviaria sono meno affollati del solito. I treni sono mezzi vuoti. E i bus? Mai visti con così pochi passeggeri. A bordo 7-10 persone, tutte sedute, distanziate, con libri e giornali in mano.

Nei bar del centro, dove sono comparsi i cartelli che invitato a rispettare le norme anti virus, poche persone.

Un esercente dice: "Forse era meglio stare chiusi una settimana". E la titolare di un altro bar racconta: "Sa cosa ho dovuto fare questa mattina? Mi sono messa sulla porta a contingentare gli ingressi in un momento in cui nel locale c'era qualche persona in più".

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci