Coronavirus, CIA Savona ai floricoltori: "Il mercato europeo funziona, forti misure dal governo"

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Albenga. Esperimento riuscito: primo incontro del Gruppo di Interesse Floricolo promosso da Cia Savona, ma esteso a tutte le aziende floricole, in videoconferenza (in precedenza limitata per dirigenti e tecnici).

L’attuale emergenza ha favorito questa modalità di confronto che ha tra i vantaggi quello di far esprimere in modo ordinato i partecipanti e soprattutto di far riflettere su quanto viene detto nel corso degli interventi” affermai il direttore Cia Savona Osvaldo Geddo.

Si sono collegate 37 aziende floricole e commerciali con il coordinamento di Jochen Mewes, responsabile GIE floricolo Cia Savona che ha evidenziato come non risultino limitazioni ufficiali alle dogane per il trasporto delle piante (né di altri prodotti del comparto).

Sono emersi comportamenti singoli psicotici di vettori esteri o autisti esteri che temono ad entrare in Italia, comportamenti inaccettabili contro i quali è difficile intervenire tramite i ministeri o le ambasciate. Lo ha fatto presente anche Aldo Alberto, presidente dell’associazione Florovivaisti Italiani, che ha aggiornato imprenditori e operatori del settore sulle richieste rivolte al governo ed ai ministeri di estensione delle dilazioni per le scadenze fiscali, tributarie e previdenziali al territorio ed al settore floricolo dopo il recente decreto che allarga le zone rosse.

E su tutto il lavoro di rappresentanza delle problematiche verso le istituzioni pubbliche da parte dei floricoltori. La preoccupazione è risultata forte per il mercato interno, quasi fermo a causa della chiusura dei punti vendita del Nord Italia.

Il direttore Cia Savona Osvaldo Geddo ha spiegato la situazione dei provvedimenti presi dal Governo e la previsione di un nuovo DL che estenderà le agevolazioni del D.L. 2 marzo 2020 anche alle imprese liguri, assicurando il proposito di garantire continuità di servizio alle aziende tramite Cia, pur riducendo i contatti ed adottando le misure di cautela e sicurezza imposta delle norme.

Oggi al Tavolo Verde della Regione Liguria in videoconferenza si chiederanno le sospensioni delle scadenze sul PSR e la proroga di validità di tutte le autorizzazioni regionali, come il Patentino Fitofarmaci ma anche qualche primo provvedimento economico. Inoltre, sarà richiesto alla Regione un coordinamento nel rappresentare le problematiche della floricoltura ligure verso il governo ed il ministero, settore agricolo che insieme all’agriturismo sta soffrendo pesantemente i danni provocati dall’emergenza sanitaria.

Nonostante questa difficile situazione è necessario non perdere la calma, in quanto i segnali che arrivano indicano come il mercato delle piante in vaso funziona normalmente a livello europeo e questa emergenza dovrà essere superata nelle prossime settimane grazie al buon senso e allo spirito civico di tutti” conclude Jochen Mewes, responsabile GIE floricolo Cia Savona.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci