Coop sociale perde causa con il Comune di Finale per l'accoglienza dei migranti

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Finale Ligure. La cooperativa sociale Arcimedia di Savona ha perso la causa al Tar Liguria contro il Comune di Finale Ligure per l’annullamento della gara che un anno fa si era conclusa con l’assegnazione per tre annio dei servizi per richiedenti asilo e rifugiati ad altre due cooperative, la Jobel di Sanremo e il Centro di Solidarietà L’Ancora di Varazze. Gara conclusa con un esito inatteso per Arcimedia che aveva svolto il servizio – nell’ambito del progetto Sprar del ministero dell’Interno – nei tre anni precedenti.

Di qui il ricorso, che però si è concluso, senza entrare nel merito, con una sentenza di inammissibilità in quanto l’impugnazione è stata giudicata tardiva. In tema di appalti pubblici la legge prevede che l’impugnazione dell’aggiudicazione debba essere proposta nel termine di 30 giorni. In questo caso il Comune di Finale aveva comunicato alla ricorrente l’avvenuta aggiudicazione definitiva con una nota del 30 marzo 2018, trasmessa via posta elettronica certificata.

Del resto, osservano i giudici, che in tale data la società ricorrente abbia avuto piena conoscenza del provvedimento appare evidente dal fatto che il 27 aprile successivo, cioè entro i termini, era stato presentato un primo ricorso, che però era stato rinunciato. Il secondo ricorso, che nei fatti ricalcava il precedente, era stato poi riproposto il 28 maggio, ma ormai fuori tempo massimo. Di qui la dichiarazione di inammissibilità e la condanna della cooperativa sociale al pagamento a favore del Comune di Finale Ligure delle spese di giudizio, liquidate in 3 mila euro.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci